martedì, 10 Dic, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Al via il Carnevale di Marcianise 2019, con Eugenio Bennato

0

Questa mattina si terrà, alle ore 11.00, presso il Palazzo Monte dei Pegni (in via Duomo, 9, Marcianise), la cerimonia di presentazione del Carnevale di Marcianise che quest’anno vedrà la direzione di un artista di grande spessore qual è Eugenio Bennato, la cui attività musicale si incastra nel patrimonio etno-musicologico marcianisano, lungo la scia tracciata negli anni scorsi dal Maestro Roberto De Simone che inserì Marcianise nell’area di ricerca riconducibile alla produzione della Nuova Compagnia di Canto Popolare, in forza della vocazione agricola del territorio su cui si è poi innestato un processo di industrializzazione che ha introdotto nuovi parametri sociali e culturali.

carnevale di marcianise

Un evento in grande stile organizzato e promosso dal Comune di Marcianise, Scabec e SpondaSud, in collaborazione con Omast Eventi e le Associazioni Spazio Corrosivo, Radici, Pro Loco Marthianisi, Il Cortile di Cerere e Antico presente. Bennato, con l’associazionismo locale, sta allestendo un programma di assoluto spessore che richiamerà l’attenzione di numerosi visitatori. Diversi gli appuntamenti che precederanno la giornata clou, ovvero il 5 marzo, quando si darà vita alla Notte di Carnevale con la presenza di numerosi e rinomati artisti.

carnevale di marcianise

All’evento di oggi, nel corso del quale sarà presentato l’intero programma della kermesse, coordinato dall’assessore alla cultura Elpidio Iorio e introdotto dal sindaco Antonello Velardi, interverrà Eugenio Bennato. Prevista inoltre la proiezione del video “Carnavale è muorto pe non vedè ‘o stuorto” a cura di “Antico presente”; un omaggio musicale a cura degli Allievi dell’Istituto Comprensivo “A. Moro” di Marcianise; l’esecuzione del “ballo sul tamburo marcianisano” a cura di “Radici”. Gran finale con la degustazione di dolci tipici carnevaleschi preparati in loco dagli Allievi dell’ISISS “Novelli” di Marcianise e da “Il Cortile di Cerere”.