domenica, 17 Nov, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Cilento Rosato DOC

0

La zona di produzione del Cilento DOC interessa tutto o in parte il territorio collinare di cinquantaquattro comuni di una vasta area in provincia di Salerno. La zona è sede dello splendido Parco del Cilento , una zona dove viti e ulivi coronano un paesaggio fatto di colline, fiumi e incantevoli spiagge.
Vi si producono vini ricchi di storia, presenti già nel XV secolo alla mensa di papa Paolo II per il quale non vi era “pari bevanda la sera a tutto pasto”. La DOC Cilento comprende le tipologie Rosso, Rosato, Bianco e Aglianico.
Il Cilento Rosato DOC è ottenuto da uve dei vitigni Sangiovese (70-80%), Aglianico (10-15%), Primitivo o Piedirosso (10-15%), eventualmente completati con l’aggiunta di altri vitigni autorizzati (massimo 10%).

Il vitigno Sangiovese ha origini incerte anche se rappresenta uno dei vitigni più caratterizzanti e diffusi d’Italia. L’Aglianico tradisce le origini greche nel suo nome che rimanda al termine “Ellenico”. Il Primitivo pare abbia origini dalmate ed è lo stesso vitigno che viene coltivato in California con il nome di Zinfandel. Il Piedirosso, detto anche Per’e Palummo, rimanda invece al colore e alla forma dei raspi del grappolo che paiono ricordare le zampe di un piccione.

TEMPERATURA DI SERVIZIO:12-14 °C
ORIGINE:Italia
Tutti i vini rosati: Campania

ABBINAMENTI:
gnocchi alla sorrentina, trippa alla napoletana, minestroni e lasagne, provola affumicata, provolone del monaco, pasta alla sorrentina.