domenica, 08 Dic, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Eduardo tra testo e scena

0

Trent’anni fa ci lasciava uno dei più grandi e influenti autori teatrali del Novecento, colui che, insieme a Luigi Pirandello, rappresenta ancora oggi uno dei massimi esponenti della drammaturgia italiana nel mondo. Eduardo De Filippo (1900-1984), figlio d’arte, era uomo di eccezionale levatura morale e grande severità, grande uomo di teatro, esperto conoscitore dell’uomo e accanito indagatore del senso dello stare al mondo. Le sue opere teatrali, pertanto, continuano ad affascinare, appassionare e far riflettere, anche e soprattutto attraverso la loro caratteristica risata amara e stanca, tanto lontana dal riso dianoetico beckettiano.

Eduardo De Filippo

E’ per questo che, in occasione del trentesimo anniversario della morte di Eduardo, il Comune di Napoli, l’Università degli studi di Napoli Federico II e la Fondazione Forum Universale delle Culture hanno organizzato un convegno, che si terrà mercoledì 7 maggio a partire dalle ore 9.00 presso il Centro Congressi Federico II (via Partenope 36), e che sarà l’occasione adatta non solo per ricordare la figura del grande autore e attore napoletano, ma anche per confrontarsi nuovamente e criticamente col suo teatro, ispezionato sotto diversi punti di vista da alcuni docenti dell’Ateneo e da altri esperti e amanti dell’opera eduardiana. Un incontro, quindi, all’insegna dell’arte e della riflessione, del confronto con la condizione attuale dell’uomo e della società, oltre che un tributo doveroso a uno dei più grandi cittadini napoletani di sempre.