sabato, 21 Set, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Giallo Natale

0

Il Natale è la festa dei bambini: di coloro che lo sono ancora ed anche di coloro che, in questi giorni, tanto evocativi quanto ricchi di suggestioni antiche e moderne, riescono a scoprirsi nuovamente tali.

Una festa di Natale, una festa dei e per i bambini, quella organizzata dal Dipartimento di Educazione del museo Madre, in sinergia con la classe di “Musica di insieme” del Conservatorio San Pietro a Majella.

Venerdì 19 dicembre, alle ore 10:30, Piazza Dante si “vestirà” di colore: 200 bambini, alunni di alcune scuole napoletane che hanno partecipato al ciclo d’incontri

“Giallo MADRE” (laboratorio didattico gratuito dedicato agli alunni delle scuole dell’infanzia e primarie), daranno vita ad una vera e propria “performance” artistica: aiutati dalle operatrici didattiche del museo Madre i bimbi, con la loro impronta colorata, andranno a decorare una grande stella natalizia, realizzando, così, una vera e propria “performance” d’arte estemporanea; un’installazione che avrà, come sempre accade, “l’anima ed il carattere” dei suoi autori.

foto-didattica-Museo-Madre

In questo particolarissimo caso sarà un’anima di spensieratezza, gioia, e trepidante attesa; tutte quelle emozioni che, in questi giorni, possono leggersi negli occhi dei bambini.

A creare un clima fiabesco non potevano mancare le note de “Lo Schiaccianoci”, eseguite dagli studenti della classe di Musica di insieme del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, “fiaba natalizia” per eccellenza.

Piazza Dante si trasformerà, così, in un palcoscenico dal quale poter assistere ad un piccolo “miracolo di Natale” ; una festa natalizia alla quale non manca nessun ingrediente: i bambini con la loro leggerezza, l’arte, i colori intesi quale materia prima attraverso la quale esprimere se stessi e la musica.

Al termine della giornata, i bambini riceveranno un post-it giallo del museo Madre, una “lettera a Babbo Natale” meno tradizionale: i bimbi scriveranno sui post-it le loro idee ed i loro desideri per la città di Napoli.

Come tradizione vuole anche queste “letterine” non andranno perse ma, anzi, verranno esposte sulla “Lavagna Post-it” sita al piano terra del museo.