mercoledì, 11 Dic, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

I campani Donnarumma e il Faiella tra i pasticcieri di “Panettone senza Confini”

0

Domenica 24 novembre appuntamento con “Panettone senza Confini” che porta a Palermo i panettoni artigianali di qualità di tutt’Italia. La giornata, che sarà articolata in diversi momenti, si aprirà in mattinata (dalle 10,30 alle 12,30) presso la Sala De Seta, ai Cantieri Culturali della Zisa, dove si terrà un convegno tenuto dai Maestri Debora e Iginio Massari, Achille Zoia e Fabrizio Donatone sul tema “Lievitati e ingredienti di qualità in pasticceria”. Ingresso libero fino ad esaurimento dei 400 posti disponibili, prenotabili solo online. 

L’intera giornata ha anche una grande valenza sociale: da qui la definizione “senza confini”. L’intero ricavato dell’evento, anche grazie alla collaborazione con “La culla di Alice Onlus” che opera nella realtá siciliana, verrà, infatti, destinato alla Onlus Starterprius, che ha come fine la scolarizzazione dei bambini siriani e si occupa direttamente dell’organizzazione dell’evento in collaborazione con Chezmoibyfausto. La manifestazione intende, però, contribuire anche alla formazione dei pasticceri siciliani del futuro, facendo partecipare studenti di Istituti Professionali del settore Alberghiero, sia al convegno che alla serata.  Saranno coinvolti gli allievi dell’Istituto Professionale Paolo Borsellino, dell’IPSSAR Francesco Paolo Cascino, della Scuola Alberghiera Mediterranea, dell’Istituto Statale Piazza e della Scuola Professionale Euroform.

“Panettone senza Confini” si propone di fare conoscere le tante declinazioni del grande lievitato più rappresentativo del nostro Paese, attraverso le interpretazioni di Maestri Pasticceri provenienti da tutt’Italia, coinvolgendo i nomi più illustri del panorama nazionale della pasticceria, come è stato nelle edizioni di Napoli (presso palazzo Caracciolo), Reggio Calabria (presso la sede della Città Metropolitana) e Brescia (presso villa Fenaroli) de “Il Panettone secondo Caracciolo” che, per l’occasione, ha cambiato  nome. La scelta di svolgere la kermesse a Palermo, con il contributo del Comune e dell’Assessorato alla Cultura, è ricaduta su una città ricca di storia, fascino ed eleganza, come il dolce che sarà il protagonista indiscusso dell’evento.

La giuria che dovrà valutare la qualità dei panettoni in concorso sarà composta da grandi nomi della pasticceria italiana come Iginio Massari “Maestro dei Maestri”, Achille Zoia “Padre del panettone moderno”, Vincenzo Tiri “Lievitista pluripremiato”, Fabrizio Donatone “Campione del Mondo di pasticceria”, Debora Massari “Maestro AMPI e tecnologa alimentare”, e Piergiorgio Giorilli, “L’essenza della panificazione italiana”.

Alla kermesse sono stati invitati 12 Maestri in rappresentanza di 10 pasticcerie di varie zone d’Italia: Vincenzo Donnarumma (Pasticceria Peccati di Gola, Pimonte, NA), Marco Antoniazzi (Pasticceria Antoniazzi di Bagnolo San Vito, Mantova), Angelo Di Masso (Pasticceria Pan dell’Orso di Scanno, AQ), Roberto Cantolacqua (Pasticceria La Mimosa di Tolentino, MC), Marta Boccanera e Felice Venanzi (Pasticceria Grué, Roma), Andrea Urbani (Pasticceria Guerrino, di Fano, PU), Rocco Scutellá (Scutellá, Antica Pasticceria Artigianale dal 1930, Delianuova, RC), Angelo Musolino (Pasticceria La Mimosa, Reggio Calabria, Santi Palazzolo (Pasticceria Palazzolo, Cinisi, PA), Giuseppe e Mauro Lo Faso (Pasticceria Delizia di Lo Faso, Bolognetta, PA). Alla finale palermitana si sono aggiunti anche i vincitori del contest nazionale dedicato ai professionisti: Nicola Iacovera (Antica Ricetta di Nonna Sesella, Genzano di Lucania, MT), Elvio Pasquale Donatone (Arte del Dolce, Velletri, RM), Vincenzo Faiella (Pasticceria Pina, San Marzano sul Sarno, SA). I primi tre classificati del contest riservato agli amatori che avranno, invece, la possibilità di sottoporre il loro lievitato alla stessa giuria che assegnerà i premi tra i professionisti, sono Fabio Fiorentino di Palermo, Simona Garaldi di Cressa (NO), Alessandro Perrelli di Roma.

Fuori concorso sarà presente la Pasticceria Don Nino di Palermo che farà assaggiare due panettoni creati per l’occasione: il Pan del Bandito (con Passito di Pantelleria) e il panettone Borgo Paradiso (con diverse eccellenze siciliane). Nel corso della serata si assegneranno anche i premi “miglior packaging” (giudicato da Alessandro Fici, consulente in Neuromarketing della IULM di Milano) e “Panettone senza Confini 2019” alla carriera. A Palazzo Sant’Elia interverrà anche Massimo Marotta, cantante lirico di grande spessore, che eseguirà alcune arie nel corso della serata. La manifestazione punta a valorizzare produzioni di qualità sia nazionali che locali. Accanto ad aziende importanti del settore, quali Molino Dallagiovanna, Cesarin, Hausbrandt e Brazzale, alla scuola di pasticceria e cucina locale MAG, ci saranno alcune realtà artigiane che faranno degustare prodotti locali d’eccellenza: il caseificio Bompietro e varie realtà locali, grazie ad una collaborazione con il Cna di Palermo.

Sará possibile accedere alla manifestazione solo acquistando il biglietto online (fino ad esaurimento dei posti disponibili) sul sito evenbrite.it

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086