mercoledì, 13 Nov, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

I Colori della natura di Domenico Spinosa

0

Dal desiderio di rinarrativizzare una figura di primo piano dell’arte napoletana, il cui notevole spessore ha assunto rilievo nazionale ed internazionale, la galleria L’Ariete inaugura oggi, 7 novembre, alle ore 18:30, Domenico Spinosa, I Colori della Natura (fino al 7 dicembre 2019).

photo courtesy of Galleria L’Ariete

Una mostra che riafferma il caro sodalizio nato negli anni Ottanta, fra il Maestro e il gallerista Rosario Todaro: “Conosco Spinosa – mi spiega – da quando organizzai per lui una prima esposizione curata da Gino Grassi nel 1982 , oltre che un grandissimo artista, era un uomo generoso, altruista, un amico che mi ha sempre sostenuto e incoraggiato nella mia difficile mission”. Da allora, presso lo studio di via Manzoni, si sono succeduti numerosi eventi a lui dedicati, gli acquerelli, i paesaggi sorrentini, le prestigiose collettive, che, di volta in volta, hanno suggellato una grande amicizia che ancora oggi, con I Colori della Natura, è celebrata con l’entusiasmo e il rispetto di sempre.  

Ad accogliere i visitatori sono circa venti opere – realizzate dal Maestro fra gli anni ’60 e il 2000 – disposte lungo le pareti in maniera da determinare un ritmo cromatico non meccanico, che raggiunge una prodigiosa solidità anche nei minimi particolari. Le tele, pulsanti di una forza testuale evocativa, capace di trasfigurare il visibile in costruzioni spesse di memorie, sembrano sospese nel vuoto.

photo courtesy of Galleria L’Ariete

Ricche di suggestioni, leggere, sfumate, liriche e audacissime, sono una straordinaria testimonianza dell’intimo vocabolario informale dell’artista, indifferente alle mode, ma instancabilmente impegnato a sperimentare e intervenire dentro il corpo e il peso stesso della materia, erodendo, graffiando, scalfendo.  Modulata e vibrante, la densa tavolozza declina tutte le sue qualità segniche e tonali, sfrangiando la superficie attraverso pennellate larghe e tese, liberamente ispirate alla luce e ad un naturalismo vissuto come fenomenologia, dove tutto è rivelato, e, al tempo stesso, nascosto dalla pittura. Che sfugge alla fissità. Che aggrega tutto quel che c’è sulla terra, al di là della percezione, secondo un’ascesi panica, dissolvendo il soggetto verso metafore di eternità.

Percorrendo le sale, ci si sente avvolti da un lirismo che trasforma il tempo in materia pittorica e seziona metaforicamente la galleria in mille rivoli, secondo diaframmi di visioni plurali, in cui è possibile avvertire a pieno l’onda vertiginosa del silenzio.

photo courtesy of Galleria L’Ariete

Chi è Domenico Spinosa

Domenico Spinosa (Napoli,1916-2007) inizia la sua lunga attività espositiva subito dopo il secondo conflitto mondiale. A partire dagli anni Cinquanta il colore, disteso per larghe campiture, si fa materia che sfrangia l’immagine naturalistica per una costruzione più libera, che lo porterà ad essere uno degli esponenti più significativi della stagione informale italiana. Viva voce nel fervido clima nazionale e internazionale, è invitato alle Quadriennali di Roma e alle Biennali di Venezia ed è vincitore di numerosi premi nazionali ed europei. Nel 1960 è presente alla XXX Biennale di Venezia con una sala personale. Nella seconda metà degli anni Sessanta le opere si arricchiscono di spunti zoomorfici, mentre l’elemento materico viene gradualmente depotenziato.   La ricerca dei decenni successivi procede in questo solco e il colore assume una cangiante mutevolezza e potenza emozionale. All’attività artistica Spinosa accompagnò sempre un profondo impegno didattico presso l’Accademia di Belle Arti, ricoprendo la cattedra di Pittura fino al 1986. Ha segnato con la sua personalità la vicenda artistica partenopea ed aver formato generazioni e generazioni di giovani artisti. Sue opere sono presenti nei principali musei italiani.

 

I colori della natura di Domenico Spinosa, le info

Domenico Spinosa

I Colori della Natura

7 novembre – 7 dicembre 2019

Galleria l’Ariete, Via Manzoni, 147 Napoli

Ufficio stampa Costanza Pellegrini

+39 3397252425

costanzapellegrini2@gmail.com

Storica d’arte, curatrice, giornalista pubblicista, Loredana Troise è laureata con lode in Lettere Moderne, in Scienze dell’Educazione e in Conservazione dei Beni Culturali. Ha collaborato con Istituzioni quali la Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici di Napoli, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. A lei è riferito il Dipartimento Arti Visive e la sezione didattica della Fondazione Morra di Napoli (Museo Nitsch / Casa Morra / Associazione Shimamoto / Vigna San Martino), e figura nel Dipartimento di Ricerca del Museo MADRE. È docente di italiano e latino e collabora presso la cattedra di St. dell'Arte contemporanea all'Accademia di BB.AA. di Napoli. Ha pubblicato cataloghi (Rogiosi editore) e contributi/saggi su libri e riviste per importanti case editrici.