venerdì, 28 Feb, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Il casatiello

0

Il casatiello appartiene alla famiglia delle torte pasquali salate, la stessa del tortano, per intenderci, del quale è l’evoluzione ed il suo nome deriva da “caso” che in dialetto napoletano vuol dire formaggio, chiaro riferimento alla cospicua presenza al suo interno di formaggio pecorino.

Questa leccornia, alla quale è dedicato il Sabato Santo, si prepara così:

Ingredienti:

– 500 g di farina

– 180 g di sugna

– 40 g di lievito

– 1 e 1/2 cucchiai di parmigiano

– 1 cucchiaio di pecorino romano

– sale e pepe

– 5 uova con il guscio

Procedimento:

Versate la farina a fontana sul tavolo, ponete al centro il lievito e stemperatelo con un po’ d’acqua tiepida. Unite 50 g di sugna, il sale e lavorate incorporando la farina con acqua tiepida fino ad ottenere una pasta piuttosto morbida.

lavoratela almeno 15 minuti e lasciatela lievitarte in una terrina coperta da un panno per un’ora e mezza, infarinate leggeremente il tavolo, sgonfiate e battete la pasta, spianate una sfoglia rettangolare spessa un centimetro, ungetela di sugna e cospargetela di parmigiano e pepe.

Piegate la sfoglia a libro, spalmatene la faccia superiore di sugna, cospargete di parmigiano e pepe, piegatela di nuovo.

Spianatela, ungetela di nuovo e procedete allo stesso modo, finchè avrete sugna.

Togliete un pezzo di pasta, ungetelo, e mettetelo a crescere in una tazza.

Avvolgete la pasta in modo da ottenere un rotolo.

Ungete uno stampo da ciambella piuttosto largo e adagiatevi dentro il rotolo chiudendolo come un grosso tarallo e unendo bene le estremità. Mettete a lievitare per circa tre ore.

Lavate le uova intere con il loro guscio usando acqua fresca ed uno spazzolino, poi asciugatele.

Quando il casatiello sarà cresciuto, appoggiatevi le uova ad intervalli regolaricon la punta rivolta al centro della ciambella. Con la pagnottella di pasta rimasta formate un bastoncino da cui ricaverete 10 segmenti di pasta. Disponeteli due per volta, a croce, su ciascun uovo e fissatene le estremità premendo delicatamente sulla superficie della ciambella.

Infornate in forno appena tiepido; cuocete per circa un’ora a calore medio.

La preparazione così composta può essere arricchita di uova sode, salame, formaggio e cicoli (o ciccioli) di maiale.