giovedì, 14 Nov, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“Il coraggio di essere Frida”: il fashion project di Susi Sposito

0

Dal Messico a Napoli, passando per il Brasile: l’iconica pittrice Frida Kahlo diventa protagonista de “Il coraggio di essere Frida”, un progetto ideato dalla fashion designer Susi Sposito, che fonde arte e moda per lanciare un messaggio: “Tutti possiamo essere Frida. Tutti possiamo essere un’opera d’arte”. L’ispirazione del progetto nasce dalla mostra fotografica dell’artista brasiliana Camila Fontanele de Miranda intitolata “Todos podem ser Frida”, che ha visto persone diverse per età, razza, credo e orientamento sessuale indossare, letteralmente, i panni di Frida Kahlo per difendere quell’inesauribile fonte di ricchezza che è la diversità.

frida

“Il coraggio di essere Frida” prevede l’esposizione, per la prima volta a Napoli, dei lavori di “Todos podem ser Frida” e una performance fotografica dal vivo a cura di Alessandro Tarantino, che permetterà a tutti, dietro previa selezione, di “diventare” Frida e fare proprio il suo coraggio di rappresentare esteticamente sé stessi contro ogni tentativo di omologazione della società.

invito

Dall’11 al 25 marzo, presso l’Atelier AlbaChiara, sito nel cuore del centro storico di Napoli, un team di artisti collaborerà proponendo la propria versione dell’icona messicana. Susi Sposito presenterà una collezione di abiti ispirata a Frida Kahlo, che riprende e rielabora in maniera originale i motivi dei celebri autoritratti della pittrice messicana, come gli elementi naturali e i colori vivaci.

Sara Lubrano

Rispettivamente per il trucco e gli accessori: Marina Caragallo, giovane make up artist partenopea specializzata nel settore fotografico ed artistico e Sara Lubrano, designer di gioielli artigianali dal sapore vintage. L’evento di inaugurazione avrà luogo venerdì 11 marzo, ore 19, presso l’Atelier Albachiara, Via Toledo 329, con la straordinaria partecipazione di Maria Carmela Masi, storico dell’arte.

 

 

 

Si ringrazia Simona Ficuciello.