L’anima aggredita di Elio Alfano

Commenta

Giovedì 11 gennaio 2018, dalle ore 17 presso Movimento Aperto, di Ilia Tufano, si inaugura la mostra L’anima aggredita, di Elio Alfano. In esposizione sarà un ciclo di recenti dipinti di varie dimensioni, i cui temi abbracciano una natura che non è mera riproduzione fisica, quanto piuttosto riproduzione della potenza insita in essa e nei significati che cominciano a prendere forma. Riflettendo sulla complessità del rapporto tra colore e luce dell’immagine, Elio Alfano, con L’anima aggredita, incontra lungo il suo cammino le seduzioni di elementi che ci pungolano, che interrompendo un ideale flusso liscio, ci impediscono di abbandonarci allo scorrere tranquillo delle cose. Ma proprio in ciò risiede quello che trattiene particolarmente la nostra attenzione.

Ilia Tufano

Le opere di Alfano, infatti, sono come un movimento senza soluzione di continuità. Eppure, è un movimento senza movimento: ogni tela è un’illusione. Le pennellate appaiono distese e ampie, ripetute e tangibili di colore ancora corposo, non più diluito, quasi a conferire un’immagine tridimensionale. Se il significante delle arti visive sono le forme e i colori, qual è quello di queste opere? La passione e la sublimazione degli aspetti interiori,  in grado di ristabilire un equilibrio tra realtà e inconscio.  Che si manifesta nell’impegno e nell’affascinante scomposizione di ogni intento narrativo. È dunque del tutto coerente il particolare stile interpretativo dell’artista, che riesce a cogliere tutte le sfumature più impensabili delle forme, affidandole, comunque, ai toni pacati e al rigore scientifico dell’analisi: un viatico oggi davvero affascinante, se si vuole navigare dentro e fuori dei confini collettivi e personali.

Elio Alfano è nato, vive e lavora ad Angri. All’Accademia di Belle Arti di Napoli ha avuto come maestri A. Ziveri e G. Capogrossi; ha poi insegnato negli Istituti Statali. È presente nella vita artistica nazionale con mostre collettive e personali da almeno un trentennio. Le personali più recenti, nel 2015 al Castello di Agropoli ed alla Casa Della Corte di Agerola, e nel 2017 alla Villa Favorita di Ercolano. Ha fondato ad Angri la galleria Pagea Arte Contemporanea nel 1996 e da allora ne promuove l’attività espositiva, affiancando mostre personali a collettive, con grande attenzione alla scena locale e nazionale, ad artisti già storicizzati ed a personalità emergenti.

 

INFO
Elio Alfano, L’anima aggredita
Galleria Movimento Aperto, via Duomo  290/c-Napoli
La mostra resterà aperta fino al 31 gennaio
lunedì e martedì ore 17-19, venerdì ore 10.30- 12.30 e su appuntamento

Tag:, , ,