sabato, 23 Nov, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“L’Osco”, il romanzo storico di Stefano Cortese

0

Si intitola “L’Osco”, il romanzo storico del giovane autore napoletano Stefano Cortese. Edito da Valtrend, il romanzo racconta la vicenda di Virdasche, un Osco che, sfuggito per miracolo a un’incursione dei feroci predoni Hyrpini, inizierà un lungo pellegrinaggio verso Occidente, andando incontro al suo destino. Conoscerà gli Elleni, che hanno fondato Partenope, città con il nome di dea, consulterà gli antichi dèi nella Capua etrusca e ascolterà la vicenda dell’uomo che raccontava a occhi chiusi, il leggendario Homehoron detto “il Cieco”, autore di una storia epica che cambierà l’Occidente.

stefano cortese

Ma Virdasche resterà sempre un Osco, ultimo rappresentante di un mondo ormai scomparso e comprenderà la natura ultima della sua divina missione: essere consapevole del potere salvifico dell’oblio, in un’epoca in cui, grazie al mitico «eroe del ritorno» Odisseo, gli uomini hanno deciso di uscire dalle tenebre e cominciare a ricordare.

L’autore di “L’Osco”, Stefano Cortese

Stefano Cortese, classe 1990, è laureato in Lettere Moderne e specializzato in Filologia Moderna all’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. È autore di una raccolta di poesie, Alla murena e al cielo di pioggia, Prose in Versi (Il Filo, Roma, 2009); di due raccolte di racconti, La miglior compagnia (Universitas Studiorum, Mantova, 2014) e Il basilisco o della speranza (La strada per Babilonia, Napoli, 2017); di un romanzo storico sulla vita di Publio Virgilio Marone, Virgilio o la terra del tramonto (Milena Edizioni, Napoli, 2015); nonché di una serie di diverse plaquette in edizioni non venali. Vive e lavora a Napoli.

stefano cortese

Cortese è, inoltre, curatore di “Le mie stagioni”, uno dei volumi della collana “Il merito di Napoli”  (Rogiosi editore) che intende promuovere le tesi di laurea di ambito umanistico che hanno per tema la città di Napoli. L’operazione filologica di Cortese consiste in un restauro delle parole che porta alla reviviscenza un testo, senza mai sostituirsi all’autore. Le mie stagioni è l’autobiografia in forma di diario di un uomo del sud, Carmine Forgione, di estrazione contadina e di valori tradizionali, che si fa osservatore della propria vita allo specchio dei principali eventi del Novecento. Il taglio cosiddetto ‘semicolto’ del testo mostra paradossalmente una coscienza intellettuale e morale straordinaria, con slanci lirici marcatamente autoriali, che Cortese raccoglie, incrocia, leviga e sutura senza cicatrici in una narrativa omogenea. 

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086