venerdì, 15 Nov, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Mediterraneo: fotografie tra terre e mare

0

Mediterraneo, luogo privilegiato di relazione, incontro, scambio, interazione.
Tra le culture e tra le arti.
Ad esso guarda “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”, un progetto espositivo nato nel 2012 che scandaglia, attraverso l’occhio attento di reporters e fotografi, l’attualità e la cultura mediterranea.

foto di Giuliana Rogano

IL CONCORSO

L’edizione 2018 di “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” propone tre bandi: Attualità; Fotografe per Sguardi di Donne; Premio under 35. 
L’interesse della rassegna è il racconto del presente, le storie, per una fotografia sempre più vicina al fattore “umano”, alla persona e alla sua socialità come valore essenziale. Vengono per questo preferiti lavori che analizzano gli aspetti più ampi dell’essere cittadini nel terzo millennio, nelle relazioni con il territorio e con le persone. 
I bandi sono rivolti a tutti i fotografi che vivono o lavorano nei Paesi del Mediterraneo.
Il termine per l’invio dei lavori è il fine febbraio 2018. Per tutte le info: http://www.mediterraneofotografia.eu/web/

foto di Michele Crameri

IL LABORATORIO

Sabato 27 gennaio alle ore 11 allo Smmave – Centro per l’Arte Contemporane in via Fuori Porta San Gennaro 15 (all’ingresso del Borgo Vergini), si terrà la presentazione, aperta a tutti e gratuita, di “Paesaggio del sé. Laboratorio di Sperimentazione Artistica”. L’artista Ilaria Abbiento e la curatrice Patrizia Varone, ideatrici del progetto, faranno una breve introduzione illustrando la struttura del laboratorio. 

L’artista Christian Leperino, presidente dello Smmave, darà l’opportunità di conoscere lo spazio in cui sarà sviluppato il laboratorio attraverso una visita guidata alla chiesa detta della Misericordiella. Il complesso monumentale della Misericordiella ha una storia articolata che rappresenta, in piccolo, la stratificazione della città di Napoli. 
“Paesaggio del sé” è un laboratorio pensato per condurre i partecipanti in un percorso di sperimentazione artistica capace di portare alla luce le tracce del proprio paesaggio interiore attraverso l’uso della fotografia e una serie di elementi materici.
Oltre al continuo confronto sulla costruzione del lavoro i partecipanti intrecceranno lo studio e l’incontro di alcuni autori del panorama artistico, artigiani e luoghi d’interesse culturale.

IL LIBRO

Patrizia Varone è anche curatrice, insieme a Federica Pistono, di Vite mediterranee, un progetto capace di coinvolgere autori italiani, francesi e arabi. Come il Mediterraneo. 

I racconti che compongono la raccolta hanno come protagonisti giovani tra i 18 e i 30 anni, che abbiano (o abbiano avuto) una qualche relazione con il Mar Mediterraneo. E si sa che le vite di chi nasce a ridosso di questo mare portano sempre con loro il suo profumo e la sua presenza. Dodici racconti, e naturalmente il timbro letterario e l’immaginario di chi scrive è vario. Ma proprio in questa varietà passa la sua singolarità perché il Mediterraneo è sinonimo di contaminazione e di convivenza tra culture differenti. 

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086