“Metti a fuoco”, il concorso fotografico sulle emozioni di giovani studenti

Commenta

“Cogliere attimi d’immortalità in uno scatto”. Presso il Liceo Pluricomprensivo Renato Cartesio di Giugliano, il 24 marzo 2018, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso fotografico “Metti a Fuoco”, organizzato dagli studenti della classe 5^ B di indirizzo scientifico nell’ambito dell’Alternanza scuola-lavoro con il patrocinio della Rogiosi Editore.

studenti renato cartesio

Il concorso, destinato a tutti gli studenti della sede, ha dato a ciascuno dei partecipanti la possibilità di esprimere la propria creatività attraverso uno scatto fotografico, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo culturale e innanzitutto personale, proponendo quattro temi adatti a rappresentare più ambiti, all’insegna del motto “Dai un calcio alla noia e… scatta la gioia!” e in linea con i valori dell’istituto. Le categorie in cui si sono messi in gioco i partecipanti sono state:
• “Stati d’animo”: evidenziare emozioni attraverso volti, gesti o situazioni;
• “L’unione fa la forza”: mostrare le potenzialità del lavoro di gruppo in qualunque campo;
• “Il mio spazio”: esibire l’armonia del proprio ambiente ideale o quello in cui ci si sente a “casa”;
• “50 sfumature della mia città”: mostrare ciò che caratterizza in positivo o negativo la propria città.

concorso metti a fuoco

La cerimonia di premiazione ha avuto inizio con la presentazione del concorso da parte di una studentessa, portavoce di tutta la 5^B, che ha esposto il regolamento e che ha lodato il progetto, definendolo «coinvolgente, formativo ed entusiasmante». Ha fatto seguito il discorso della preside dell’istituto R. Cartesio, Donatella Acconcia, visibilmente soddisfatta ed orgogliosa. «Mi devo complimentare con tutti, mi sono molto emozionata» ha esordito; «Ogni foto trasmette davvero un briciolo di immortalità ed è importante aver partecipato, per dimostrare a se stessi che non si è come qualcuno vuol far credere, ovvero privi di autonomia di pensiero, di sensibilità e rispetto».

vincitori metti a fuoco

La preside ha poi concluso il suo discorso, rivolgendo i propri complimenti alla classe organizzatrice per la serietà dimostrata. La vicepreside, la professoressa Paola Bartolomucci, accodandosi al discorso della preside Acconcia, ha rivolto a sua volta i propri plausi ai ragazzi della 5^B, di cui ha elogiato la capacità organizzativa e gestionale, lo spessore, nonché l’entusiasmo. Ha inoltre riconosciuto alla Rogiosi Editore diversi valori fra cui la professionalità, la cura, il garbo encomiabile e la capacità di non interferire con le attività scolastiche quotidiane. Sono state poi annunciate le vincitrici della competizione: Fabiana Venturini della classe 3^ sezione AS con “Tranquillità“ per la categoria “Stati d’animo”, Gaia Lento della classe 1^ sezione BS con “Semplicemente noi” per la categoria “L’unione fa la forza”, Maria Vittoria Liccardo della classe IV sezione AC con “Un tramonto incorniciato” per la categoria “Il mio spazio” e Maria Grazia Basile della classe 2^ sezione BS con “Sunrise” per la categoria “50 sfumature della mia città”.

giuria metti a fuoco

La giuria, composta dalla preside, la vicepreside, dalla professoressa di Storia dell’arte Angelino e da un fotografo professionista, ha assegnato alle vincitrici un Diploma, un Buono Amazon del valore di 25 euro, offerto dalla Rogiosi Editore, e la pubblicazione delle proprie foto sul sito www.espressonapoletano.it. Gli altri ragazzi, che non hanno, invece, superato le prime selezioni interne o ricevuto i voti necessari a ottenere la vittoria finale, sono stati comunque ricompensati con un libro sulla fotografia napoletana.

Alfonso Morgera

Tag:, , , , ,