lunedì, 16 Set, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Sipario sul Maggio dei Monumenti con Eugenio Bennato

0

Ricco e partecipato oltre ogni previsione, con centinaia di iniziative, tra mostre d’arte, visite guidate, teatro, musica, incontri che hanno coinvolto migliaia di nostri concittadini e di turisti il Maggio dei Monumenti 2019 si conclude giovedì con due appuntamenti importanti: nella mattinata una cerimonia in ricordo di Gaetano Filangieri nella Chiesa di Piedigrotta e la sera un concerto del gruppo diretto da Eugenio Bennato Le Voci del Sud.

Omaggio a Gaetano Filangieri
Oggi – ore 12.00
Cappella Filangieri nella Chiesa di Santa Maria di Piedigrotta
L’assessore alla Cultura e al Turismo Nino Daniele e il direttore del Museo Filangieri Paolo Iorio, insieme con il maestro Eugenio Bennato e con il parroco di Santa Maria di Piedigrotta, Don Piero Milani, deporranno una corona di fiori sul monumento che, nella cappella gentilizia all’interno della chiesa, ricorda il filosofo e giurista napoletano.

L’illuminismo dei Quartieri Spagnoli
CONCERTO de LE VOCI DEL SUD
Oggi – alle 19.30
Chiesa di San Severo al Pendino – via Duomo, 286 – ingresso libero
“Le voci del Sud” è un’ensemble vocale di giovani artisti campani, che ha già avuto modo di essere diretta da Eugenio Bennato (in occasione di “Sinfonia per un Brigante”, concerto in onore di Carlo D’Angiò), e di “Qualcuno sulla Terra – canzoni inedite sulla Natività”. Le Voci del Sud hanno recentemente riletto ed inciso le storiche composizioni dei Musicanova, fra cui “Canto allo scugnizzo, “Vento del sud” e “Pizzica minore”.
Compongono il gruppo, con la direzione artistica e la conduzione musicale di Eugenio Bennato: Letizia D’Angelo, Daniela Dentato, Laura Cuomo, Francesco Luongo, Angelo Plaitano e Edoardo Cartolano – al violoncello: Erasmo Petringa.
Il programma del concerto si ispira alla tradizione musicale napoletana e, richiamando il pensiero del Filangieri e la forte carica innovativa dell’Illuminismo, la mette in rapporto con le più antiche radici popolari, al senso del mistero e della cultura magica: Napoli città aperta come sempre alle nuove idee, ma anche città d’arte, di tradizione, di festa, di superstizione.
PROGRAMMA
IL MAESTRO E LA PRIMA DONNA – CHELLA BELLA DE MAMMA’
CANZONE DELLA JETTATURA – POPOLO DI TAMMURRIATA – DONNA ELEONORA
A SUD DI MOZART (Corale, Opera buffa, Tarantella)

Ingresso gratuito