martedì, 31 Mar, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Storia della sartoria napoletana, il progetto di ricerca della Fondazione Isaia-Pepillo entra nel vivo

0

La sartoria napoletana ha alle spalle una tradizione antichissima, che si tramanda di generazione in generazione e si fa riconoscere in tutto il mondo per le sue peculiarità. Ma qual è la sua storia sin dalle origini? Non esistendo al momento un’analisi storica esauriente e definitiva sul tema, la Fondazione Isaia-Pepillo ha messo a punto un progetto di ricerca storica che indaghi il passato di quest’arte così da tutelarne il futuro. 

Dopo una prima fase di scavo archivistico e definizione del percorso documentale da seguire, il progetto entra nel vivo: la Biblioteca della Società di Storia Patria di Napoli ha ospitato il primo incontro tra Fondazione Isaia-Pepillo, docenti e ricercatori universitari e partner privati (Banca di Credito Popolare, SACE e Tecnocap). Il progetto si articolerà tra Napoli, la provincia e Londra, e sarà affidato ad un team di studiosi e ricercatori esperti, coordinati dalla Prof.ssa Maria Carmela Schisani, docente di Storia Economica presso l’Università Federico II di Napoli. 

“In questo progetto confluiscono le competenze di storici dell’economia, dell’arte e del costume. – spiega Silvio de Majo, storico d’impresa – L’intento comune è far parlare i numeri e trasformarli in storie e racconti che restituiscano vita al passato e aiutino ad ampliare lo sguardo verso il futuro”.

Il primo obiettivo sarà la costruzione del primo dei tre volumi previsti, che abbraccerà il periodo dalle corporazioni dei ‘sartori’ all’Italia liberale. In tale prospettiva, Silvana Musella ha illustrato alcune delle linee cardine dello sviluppo della tradizione sartoria napoletana dalle sue origini più remote, evidenziandone alcuni punti fondamentali rispetto all’evoluzione della domanda di abiti maschili. I ricercatori Luigi Abetti e Sabrina Iorio, descrivendo i primi risultati dello scavo archivistico, hanno infine tracciato il percorso documentale che si è delineato già dalle prime fasi della ricerca e che ritengono utile a restituire dati, informazioni e storie.

Secondo Tommaso D’Alterio, Direttore Generale della Fondazione Isaia-Pepillo, “l’incontro ha confermato la validità di un progetto fortemente voluto dal Presidente della Fondazione Gianluca Isaia, e le prime verifiche in corso sui documenti dimostrano la possibilità di conoscere attraverso questa ricerca gli elementi e le dinamiche alla base dell’affermazione del nostro territorio come leader indiscusso in questo settore, che per le comunità di riferimento rappresenta un importante motore di crescita non solo economica ma anche sociale e civile”.

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086