venerdì, 20 Set, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Tammurriata Nera: la vera storia della canzone

0

“Tammurriata Nera” è una delle canzoni più popolari nella storia della musica partenopea: innumerevoli sono state le versioni che, dal 1944 ad oggi, sono state rilasciate. Ma qual è la storia dietro questa canzone? Pare si tratti di una storia assolutamente vera.

Tammurriata nera: di cosa parla la canzone

Il testo della canzone è noto: è la storia di una donna napoletana che mette al mondo un bambino di colore (sono gli anni in cui è forte la presenza degli americani nella città partenopea). La canzone è raccontata in stile corale, un po’ rifacendosi all’antica tradizione del coro grecoe per questo l’effetto ottenuto risulta molto teatrale. 

Io nun capisco, ê vvote, che succede…
e chello ca se vede,
nun se crede! nun se crede!
E’ nato nu criaturo niro, niro…
e ‘a mamma ‘o chiamma Giro,
sissignore, ‘o chiamma Giro

Tammurriata Nera: l’autore e l’episodio

Nel 1944, Edoardo Nicolardi è un dirigente amministrativo di un famoso ospedale di Napoli, il “Loreto Mare”, ma non solo. È anche il figlio dell’amministratore de “Il Mattino” di Napoli e autore di alcune delle opere più famose della canzone napoletana, come la celebre “Voce ‘e Notte” del 1904. La musica fu composta dal grande E.A.Mario che, per chi non lo conoscesse, è tra i più celebri autori (se non il più celebre) della canzone napoletana, e non solo. 

Quindi, Edoardo Nicolardi, assiste alla storia reale: una giovane donna partorisce un bambino di colore, fatto inedito in una città come Napoli, ma che poi, per i motivi sopracitati, si rivelerà una cosa abbastanza frequente. Sono tanti infatti quelli che a Napoli vennero poi battezzati “i Figli della Guerra”. 

Un esempio celebre è il famoso musicista James Senese (Napoli Centrale, Pino Daniele).

Tornando a Nicolardi, dopo aver assistito a questo “strano evento”, corre a casa e chiama il suo consuocero E.A.Mario e insieme, di notte, compongono quello che sarà poi definito l’inno dei “Figli della Guerra”.

tammurriata nera soldati

Versioni di Tammurriata Nera

Dagli anni ’40 ad oggi, sono state innumerevoli le versioni che hanno reso celebre la canzone. Sicuramente la versione più conosciuta è quella della Nuova Compagnia di Canto Popolare del 1974, finita addirittura in Hit Parade. 

 

Fra gli altri ad aver cantato una propria versione del brano possiamo annoverare: Angela LuceMarina PaganoMario TreviPeppe BarraTeresa De SioGabriella Ferri e Lina Sastri.

Nel 2017, anche il misterioso Liberato ha rilasciato una propria versione della celebre canzone, sotto forma di mash-up con altre canzoni napoletane ed internazionali.

Testo di Tammurriata Nera

Io nun capisco, ê vvote, che succede…
e chello ca se vede,
nun se crede! nun se crede!
E’ nato nu criaturo niro, niro…
e ‘a mamma ‘o chiamma Giro,
sissignore, ‘o chiamma Giro…

Séh! gira e vota, séh…
Séh! vota e gira, séh…
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo, o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…

‘O contano ‘e ccummare chist’affare:
“Sti fatte nun só’ rare,
se ne contano a migliara!
A ‘e vvote basta sulo na guardata,
e ‘a femmena è restata,
sott”a botta, ‘mpressiunata…”
Séh! na guardata, séh…
Séh! na ‘mpressione, séh…
Va’ truvanno mo chi è stato
ch’ha cugliuto buono ‘o tiro:
chillo, ‘o fatto, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…

Ha ditto ‘o parulano: “Embè parlammo,
pecché, si raggiunammo,
chistu fatto nce ‘o spiegammo!
Addó’ pastíne ‘o ggrano, ‘o ggrano cresce…
riesce o nun riesce,
sempe è grano chello ch’esce!”
Mé’, dillo a mamma, mé’…
Mé’, dillo pure a me…
Ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o Giro,
chillo…’o ninno, è niro, niro,
niro, niro comm’a che!…