giovedì, 13 Ago, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

6 libri da leggere in quarantena, dai classici alle proposte Rogiosi editore

0

Quello che stiamo vivendo in questi giorni è un tempo sospeso, immobile, minacciato da inquietudine e noia. Una delle armi migliori per affrontarlo con serenità e consapevolezza viene dalla cultura. Film, visite virtuali nei musei di tutto il mondo, lezioni a distanza, ma soprattutto libri, con il loro potere di farci viaggiare lontano con la fantasia, di aprirci la mente e, perché no, farci compagnia. Abbiamo individuato per voi 6 libri da leggere in quarantena: per rendere questo tempo ricco, per esorcizzare le paure, per scoprire (o riscoprire) il piacere della lettura. 

6 libri da leggere in quarantena, i titoli

1. Il Decameron di Giovanni Boccaccio

Scritto sette secoli fa, questo classico della letteratura italiana si fa più attuale che mai. E non solo per il tema del contagio che dà avvio alla narrazione – una brigata di dieci ragazzi (sette maschi e tre femmine) che per sfuggire alla peste lascia Firenze e trova rifugio in campagna – ma perché ci ricorda il valore salvifico delle storie: per trascorrere il tempo (senza possibilità di videochiamare i propri cari né di fare maratone di serie tv), la brigata decide di raccontare ciascuno una storia, per dieci giorni. E mentre il tempo passa, e la paura del contagio viene tenuta lontana, prendono vita cento novelle di una bellezza senza tempo, che fanno riflettere, ridere, piangere e allo stesso tempo conoscere una variegata umanità. Un’alternativa tutta napoletana all’opera boccacciana è Lo cunto de li cunti di Gianbattista Basile, che non a caso si definisce ‘Lo trattenemiento de peccerille’: un vero spasso da leggere in compagnia, sia in dialetto che in lingua, che offre agli occhi del lettore di oggi uno spaccato sulle tradizioni e i modi di dire della Napoli tra Cinque e Seicento.

2. L’uovo di Virgilio di Vittorio Del Tufo e Sergio Siano (Rogiosi editore)

libri da leggere in quarantena
L’Uovo di Virgilio

Una vera e propria passeggiata per Napoli, ma dal divano di casa nostra. Un viaggio che attraversa, nel tempo e nello spazio, una Napoli inedita, segreta, invisibile ai più, e che diventa possibile attraverso le parole di Vittorio Del Tufo, storica firma del Mattino, e gli scatti del fotoreporter Sergio Siano. In ogni vicolo, dietro ogni portone, sotto ogni strato di Partenope c’è una storia sospesa tra realtà e mito, che non aspetta altro che essere svelata.

3. Il barone rampante di Italo Calvino

Cosimo Piovasco di Rondò è un ragazzo che un giorno decide di salire su un albero e di non scendere più. Ma la sua vita sarà tutt’altro che monotona: dalla sua posizione vive una serie di avventure, conosce e si innamora di Viola, stringe amicizia con un bandito, si dedica allo studio della filosofia e sventa persino un attacco dei pirati. E anche se in periodo di #quarantena la condizione di isolamento non è una scelta ma un dovere civico, nonché l’unico modo per proteggere noi stessi e i nostri cari, l’esperienza di Cosimo può insegnarci qualcosa: a guardare la nostra stessa vita da un’altra prospettiva.

4. La maledizione dell’accaio di Oreste Ciccariello, da un’idea di Gigi&Ross (Rogiosi editore)

libri da leggere in quarantena
La maledizione dell’acciaio

Per combattere un nemico comune, abbiamo bisogno di supereroi, ma di supereroi umani. Che vincano sul male attingendo alla cultura e ad una forza interiore di cui spesso non si è neanche consapevoli fino a che non ci si trova davanti ad un mostro. Sullo sfondo di una straordinaria e maledetta Bagnoli, si snoda la storia di Massimo, che tra veleni che entrano dentro ma dai quali attingere la forza di combattere, complotti e sentimenti, è capace di avvincere il lettore e allo stesso tempo porre i riflettori su una realtà che ci riguarda tutti da vicino.

5. Assassinio sull’Orient-Express di Agatha Christie

Un treno si ferma, per chissà quante ore. È quello che succede nella storia, quando l’Orient-Express, il famoso treno che congiunge Parigi con Istanbul, resta bloccato dalla neve, diventando scenario di un efferato delitto. Peccato (per l’assassino) che tra i passeggeri c’è anche Hercule Poirot, il detective belga con i baffi impomatati e la testa a forma di uovo che grazie alle sue celluline grigie giunge alla soluzione del caso in un finale sorprendente. La cosa curiosa, e che ha tanto da insegnarci in questo tempo sospeso, è che è stata proprio la sosta forzata di un treno a far nascere questa storia: nelle 24 ore in cui la scrittrice inglese si trovò bloccata in un convoglio ebbe l’idea di scrivere quello che oggi è uno dei più famosi gialli del mondo.

6. La mia vita da medico di Gennaro D’Amato (Rogiosi editore)

libri da leggere in quarantena
La mia vita da medico

Sono i veri eroi dell’emergenza, eroi spesso silenziosi ma che con coraggio e professionalità combattono grandi battaglie ogni giorno. Ma conosciamo davvero le vite dei medici? Il Prof. Gennaro D’Amato, specialista e docente di Malattie Respiratorie e di Allergologia Respiratoria, la cui autorità in materia è riconosciuta in tutto il mondo, si racconta in un volume, edito da Rogiosi editore, alternando episodi e successi della vita professionale a storie di viaggi, di famiglia e di pensieri che caratterizzano la sua vita privata. Un punto di vista a cui forse non siamo abituati ma che ci spalanca davanti agli occhi l’umanità che si cela dietro un camice.