venerdì, 28 Gen, 2022 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

A due passi dal caos, più che un Ecopoarco, un Ecosistema

0

Trecentomila metri dì spazio ecosostenibile a 50 minuti da Napoli, in cui vivere come in un’immensa oasi dì benessere. Sergio Pagnozzi che, con lode, dalla laurea in medicina ha realizzato tutti i suoi progetti, in questo parco ha palesato tutta la sua professionalità e le sue fini competenze imprenditoriali. La definisce: “la sua opera migliore”, perfetto connubio tra capacità di fare impresa e amore per l’ambiente.

L’Ecoparco del Mediterraneo, fa parte del più esteso intervento di riqualificazione territoriale della Campania: un’oasi naturale di oltre 100 ettari con laghi, boschi, animali e strutture ricettive e centri congressi ecosostenibili.
Quando entri in questo “mondo” hai subito la sensazione di benessere mista a stupore, perché è naturale pensare come l’uomo non faccia proprio quel modo gentile dì trattare la natura, sempre, e non in via eccezionale come in questo luogo incantato.
Sei subito catturato dallo starnazzare delle papere che, veloci e felici, fendono le acque pulite del lago.
Strutture in legno, pedane galleggianti, sedute in bambù, lampade realizzate con materiali riciclati, toilette abbellite con enormi porte cesellate che, salvate dallo smaltimento, sono state riadattate e portate a enorme splendore in questo spazio.
Si può fare una passeggiata, un pic-nic all’aria aperta con tanto dì brace in dotazione, mangiare una pizza o la buonissima carne.
Puoi andarci d’estate e fare il bagno, col tuo cane in un’aria ad esso riservata, o con i bambini, senza disturbare gli adulti, perché anche ai piccoli è dedicata una parte del parco. Ma puoi andarci anche d’inverno, in quanto esiste una versione “al chiuso” rigorosamente realizzata con materiali naturali.
Insomma piacevolmente colpiti dal lago incantato!

Per info Sergio Pagnozzi cell. 366 5939762
@sergiopagnozzi @ecoparco.del.mediterraneo @umoya_experience

Maria De Pompeis, laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Management delle imprese Turistiche alla Luiss Guido Carli, coltiva una passione per Napoli già dai primi studi fatti durante uno stage in Soprintendenza presso Palazzo Reale nel 2001; sportiva e dinamica ama scrivere e comunicare aspetti socio culturali della società in cui vive.