‘A Rumba d’e Scugnizze – Elogio della spensieratezza

'a rumba d'e scugnizze
'a rumba d'e scugnizze

Raccontiamo le storie (inventate o reali, chi lo sa) dietro le canzoni classiche napoletane. Oggi riascoltiamo e rileggiamo ‘a Rumba d’e Scugnizze, qui nella versione della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

La magnifica raccolta di urla del mercato composta da Raffaele Viviani è un concentrato di umanità, di allegria, di popolo. C’è molta vita nella Rumba d’e Scugnizze, e abbiamo immaginato proprio questi scugnizzi che si trovano davanti alle prime scelte nel mercato dell’esistenza.

Il mercato della vita

Come vivere per sempre, come vivere per gioco.

Istruzioni per l’uso di chi ha capito tutto della vita anche se in realtà non ci ha capito niente.

La meravigliosa, ma rivedibile, arte dell’arrangiarsi. Il fragile rifugio della spensieratezza.

Si ferma il tempo quando si è giovani o invece si espande? Si ha improvvisamente fretta di crescere oppure si ha incredibilmente bisogno di restare bambini?

Un ragazzino al centro, il mondo intorno. E come in un mercato urlano le occasioni della vita.

In fila

Ecco i più belli degli oggetti in vendita. Bisogna sudare per averli tra la calca di persone che vuole accaparrarseli. Bisogna sgomitare, in alcuni casi spingere via, in altri trovare scorciatoie, ma il ragazzino che è ambizioso sa dove deve arrivare e sa come arrivarci.

Ecco gli oggetti infinitamente normali con una fila normale di persone normali che ci ha fatto un pensierino, anche stancamente. Raggiungerli è talmente semplice che risulta scocciante, poco stimolante e a volte si arriva al punto di contrattare con il venditore e comunque non comprare nulla: si chiama rassegnazione alla mediocrità. Il ragazzino che si accontenta lo sa, e magari compra giusto qualcosina per poi restare a osservare per sempre la fila di persone che punta gli oggetti più belli.

C’è un’altra fila strana che ha come traguardo oggetti ancora più belli. Ma è silenziosa, oscura, subdola. Si arriva facile al venditore e si compra bene… eppure, qualcosa ti dice che non devi avvicinarti: sembra tutta brutta gente. Qualcos’altro, invece, ti dice che quella è la fila più breve, la fila più redditizia. Il ragazzino che sbaglierà tutte le scelte si infilerà di nascosto in quella fila e sarà maledetto per sempre.

Ecco poi gli oggetti in offerta, quelli di seconda mano, quelli per nulla brillanti, quelli che costano poco. Ci sono due file ben distinte: una è composta da chi non può avere altro, e tra i componenti c’è grande rispetto, grande comprensione; l’altra è fatta di chi potrebbe stare in qualsiasi altra fila ma ha scelto di stare lì perché di impegnarsi in qualcosa non ha proprio voglia. Tra i componenti di quest’ultima fila c’è chiasso, poca correttezza, poca educazione. Le due file non si vedono di buon occhio e due ragazzini si guardano in cagnesco. Quello della fila del rispetto vorrebbe fare di tutto per stare in qualsiasi altra fila ma sa che dovrà lottare; quello della fila della maleducazione potrebbe stare ovunque ma a lui cosa importa, che si impegnino gli altri!

La fila più bella

Poi c’è una meravigliosa bancarella che emana musica, che vende giochi e pensieri felici. Più che una bancarella è una capanna. Chiusa ai richiami dell’esterno, schermata contro il male, i problemi, le responsabilità, le fregature, protetta, in poche parole, dalla vita. Il ragazzino che è spensierato, che è scugnizzo, gioca e canta in quella bancarella: non conosce ancora i problemi del mondo, o comunque ha scelto di non conoscerli. Che sia il destino un giorno a scegliere in quale fila lui debba capitare, quali oggetti possa comprare. Ora è ancora il tempo di giocare, il tempo della musica, il tempo dei pensieri felici.

È sbagliato, ovvio. Immaturo, ovvio. Irragionevole, illogico, stupido, tutto vero. Ma perché diamine non si può ammettere… che è così bello.

Testo canzone – ‘A Rumba d’e Scugnizze

(Musica e Testo di Raffaele Viviani)

Chesta è ‘a rumba d’ ‘e scugnizze ca s’abballa a tutte pizze.
Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze, ca te fanno duje carizze
pe’ te fá passá ‘e verrizze. Strette ‘e mane, vase e frizze.

Pruove gusto e te ce avvizze, cchiù te sfrine e cchiù t’appizze.
Comm’a tanta pire nizze, te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze. Chest’è ‘a rumba d’ ‘e scugnizze.

‘O rilorgio, mo capisco, pecché ‘o cerco e nun ‘o trovo.
Steva appiso. E’ ghiuto ô ffrisco: c’è rimasto sulo ‘o chiuovo.

‘O chiuovo i’ tengo. Bell’ ‘e ‘ammere. Scarole ricce p’ ‘a ‘nzalata.
Fenócchie. ‘O spassatiempo. Mo t’ ‘e ccoglio e mo t’ ‘e vvengo.
Gué, ll’aglie.

Chesta è ‘a rumba d’ ‘e scugnizze.

Assettáteve, assettáteve. Ca s’abballa a tutte pizze.
‘O quadrillo e ‘a figurella! Truove ‘e ddame, ‘mpizze ‘mpizze.
‘O mastrillo e ‘a rattacasa. ca te fanno duje carizze.

Quant’è bello ‘o battilocchio. Pruove gusto e te ce avvizze.
Pe’ chi tene ‘a moglie pazza. Cchiù te sfrine e cchiù t’appizze.

Quatto sorde, ‘o fenucchietto. Comm’a tanta pire nizze, te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin’a quanno nun scapizze.

Chesta è ‘a rumba d’ ‘e scugnizze!

Puparuole e aulive. Magnáteve ‘o cocco, magnáteve ‘o cocco.
Rrobba vecchia. Pallune p’ ‘allésse, pallune p’ ‘allésse.
‘E mellune chine ‘e fuoco. Na bona marenna, na bona marenna.
Cotogne. Gelati, gelati, gelati, gelati.

Conciatièlle. ‘A pizza cu ‘alice, ‘a pizza cu ‘alice.
Furno ‘e campagna. ‘E lazze p’ ‘e scarpe, ‘e lazze p’ ‘e scarpe.
D’ ‘o ciardino, tutte secche.’A capa d’ ‘o purpo, ‘a capa d’ ‘o purpo!
‘O Roma.

Chella bella Mamma d’ ‘o Cármene v’ ‘o ppava:
nun mm’ ‘o ppòzzo faticá.

È bellella ‘a paparella. Accattateve ‘e piatte.
Seje tuvaglie cinche lire. N’ata pianta p’ ‘o salotto.
Nocelline americane. Tengo ‘o ggrano p’ ‘a pastiera.
Pacchianè’, chi s’ ‘o ppenzava? Tiene chistu campo ‘e fave.

Cicchignacco ‘int’ ‘a butteglia. ‘O zi’ monaco ‘mbriacone!
‘O vveleno p’ ‘e scarrafune! ‘A dummeneca addó’ t’ ‘a faje?

Comm’a tanta pire nizze, te ne scinne a sghizze a sghizze,
fino a quanno nun scapizze. Chest’è ‘a rumba d’ ‘e scugnizze!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE