mercoledì, 05 Ago, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Al Museo MADRE J’ai brûlé dans tes yeux: performance, musica, teatro

0

Dal 28 maggio al 4 giugno 2017, negli spazi della Sala delle Colonne, nel Cortile esterno e in spazi diffusi del Museo Madre a Napoli, va in scena J’ai brûlé dans tes yeux. Si tratta di una  performance liberamente ispirata al film Paris, Texas di Wim Wenders. Un progetto multidisciplinare nato tra Napoli e Parigi, da una collaborazione tra kulturscio’k La Casaforte S.B. / Progetto Abitare l’arte, e sviluppato in successive residenze/tappe di ricerca, in dialogo costante con l’arte visuale. Una storia di perdita, di capacità di provare amore ma incapacità di viverlo”, che parte dal capolavoro cinematografico  di Wim Wenders, e si sviluppa in questa riscrittura site-specific per gli spazi di Palazzo Donnaregina dove quattro coppie si ritrovano in un non luogo, ossessionate dai loro ricordi e tesi per il futuro incerto.

Saranno occupate anche le cucine del Museo (primo piano) che diventano il set di prove e performance. J’ai brûlé dans tes yeux, è una performance-istallazione circolare di Alessia Siniscalchi, con istallazioni di Valeria Borrelli Antonio Sacco, fotografie di Giovanni Ambrosio, attori e danzatori di kulturscio’k. Il progetto ha avuto origine  nel corso di una residenza creativa in una sala prove a Montreuil e proseguita presso il Goethe Institut di Parigi nel 2015 e presso gli spazi di La Casaforte S.B. di Napoli nel 2015-2016, con il sostegno di Institut Français Naples e il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee di Napoli. Per la prima volta il pubblico avrà anche occasione di visitare spazi meno noti del museo, e sarà coinvolto fra  dodici interpreti tra danzatori, attori, registi, musicisti, fotografi e artisti ambientali, che si uniscono nella direzione di una drammaturgia condivisa e di un’ ampia opera aperta,  fatta di corpi in movimento. Tra i temo su cui riflettere, la relazione tra lo spazio abitativo e l’opera, il rapporto tra attore e spettatore. All’interno di J’ai brûlé dans tes yeux sarà possibile incontrare installazioni, video, le fotografie di Giovanni Ambrosio e  i film in super 8, girati durante la residenza di ottobre 2016.

 

INFO

Madre – museo d’arte contemporanea Donnaregina, Napoli.

Il progetto, durante la sua permanenza a Napoli, offrirà agli spettatori la possibilità di visitare la creazione, le istallazioni e le prove aperte, tutti giorni, escluso il martedì, dalle ore 10.30.

La performance, invece, sarà in “scena” dal 2 al 4 giugno, dalle ore 17.00 alle 19.30, in tre cicli continui e ripetuti, della durata di 45 minuti ognuno.

 

BOX

Kulturscio’k è un collettivo italo-francese impegnato nella ricerca di collaborazioni e nuovi linguaggi che portino al dialogo tra le arti ma anche alla valorizzazione di nuove forme di realizzazione artistica. Obiettivo del gruppo è produrre, curare, ospitare l’arte. Membro del collettivo è Alessia Siniscalchi, regista del lavoro J’ai brûlé dans tes yeux. Je brûle, artista eclettica che, dopo aver vinto una borsa di studio all’Actors Studio di New York e aver lavorato per quattro anni negli Stati Uniti con i più grandi maestri del teatro classico e con compagnie di teatro sociale, politico e sperimentale, si dedica con kulturscio’k allo sviluppo di performance di diversa sperimentazione. La factory del gruppo è a Domicella, in provincia di Nola. La Casaforte S.B. è una casa laboratorio nata negli spazi dell’antica litografia Manzoni e De Lucia (1950), già Chiostro e parte del Convento della Trinità degli Spagnoli (1579), nel cuore dei Quartieri Spagnoli di Napoli: una casa-opera aperta che intreccia visioni e linguaggi artistici nel vivere quotidiano. Abitare l’arte è un progetto di Valeria Borrelli e Antonio Sacco nato per costruire una rete di scambi e collaborazioni internazionali e interdisciplinari.

 

Storica d’arte, curatrice, giornalista pubblicista, Loredana Troise è laureata con lode in Lettere Moderne, in Scienze dell’Educazione e in Conservazione dei Beni Culturali. Ha collaborato con Istituzioni quali la Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici di Napoli, l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. A lei è riferito il Dipartimento Arti Visive e la sezione didattica della Fondazione Morra di Napoli (Museo Nitsch / Casa Morra / Associazione Shimamoto / Vigna San Martino), e figura nel Dipartimento di Ricerca del Museo MADRE. È docente di italiano e latino e collabora presso la cattedra di St. dell'Arte contemporanea all'Accademia di BB.AA. di Napoli. Ha pubblicato cataloghi (Rogiosi editore) e contributi/saggi su libri e riviste per importanti case editrici.