martedì, 07 Lug, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Alessandro Gassmann è cittadino onorario di Napoli

0

Alessandro Gassmann è cittadino onorario di Napoli. La decisione è stata presa dalla Giunta che ha approvato la delibera con la quale a Gassmann “attore, regista, conduttore, doppiatore, viene conferita la Cittadinanza Onoraria, quale pubblico attestato dei sentimenti di amicizia, stima, ammirazione ed affetto della Città di Napoli”. A proporre la cittadinanza onoraria per l’attore è stato il sindaco del capoluogo campano, Luigi de Magistris. La cerimonia ufficiale di conferimento si svolgerà lunedì 17 dicembre. Nell’atto in cui la giunta delibera la nomina vengono ripercorse le fasi della sua carriera, ricordando che “è sempre più impegnato in ruoli che coinvolgono la nostra Città. Tra questi, spicca quello ne “i bastardi di Pizzofalcone”, arrivato alla seconda serie, tratto dai romanzi del grande autore napoletano, Maurizio De Giovanni. Non solo, ma anche la regia teatrale del famoso cult-movie di Elia Kazan “Fronte del Porto”, rappresentato al Teatro Bellini, con una trasposizione agli inizi degli anni ’80, nel porto della Napoli post-terremoto, in preda ai conflitti camorristici dell’epoca;  o altri progetti, tra i quali una messa in scena de “il silenzio grande”, sempre di De Giovanni, in programma al prossimo Teatro Festival.”
 Alessandro Gassmann

Nelle motivazioni che hanno indotto de Magistris ad annoverare Gassmann tra i cittadini onorari di Napoli si legge “Alessandro Gassmann, per “I Bastardi di Pizzofalcone” ha girato scene per molti mesi a Napoli e – come ha dichiarato – ha avuto, così, modo di conoscere meglio una Città che, come lui stesso afferma – “in questo momento, mi sembra la più viva d’Italia”. Infatti Gassmann – che si sente adottato da Napoli – ha manifestato, in molte occasioni, il suo affetto, la sua vicinanza ed il suo amore per Napoli descrivendola come “una Città che non vive la depressione che, invece, caratterizza questo periodo della nostra vita culturale, sociale e politica”. Napoli, dice “è una Città vivacissima con un’infinità di eventi culturali ed una ricchezza teatrale che altrove se la sognano, per le sale che, in controtendenza, continuano ad aprire con energia e per energie creative e di qualità”.  E continua: “Napoli è abituata, da sempre, a vivere nella crisi, in questi momenti è più attrezzata a ribaltare in positivo le tante difficoltà. Se dovessi scegliere dove vivere, lo farei senz’altro qui. E, poi, perfino il centro storico oggi è più pulito che a Roma, un fatto senza precedenti”.
 Inoltre nella delibera firmata dal primo cittadino viene affermato che “si vuole fermamente, rinsaldare, ufficialmente ed in modo indissolubile,  il legame profondo esistente tra la nostra Città ed Alessandro Gassmann. A tal proposito, il Sindaco – interpretando i sentimenti di amicizia e di ammirazione dei napoletani –  intende assegnare un doveroso riconoscimento al Suo attaccamento ed alle Sue  numerose dichiarazioni pubbliche di affetto per Napoli, conferendogli la Cittadinanza Onoraria”.

Il commento dell’artista non ha tardato ad arrivare. Il nuovo cittadino napoletano poche ore dopo la nomina ha twittato: “Che dire, non soltanto un grande onore per me, ma una condivisione profonda di umanità. Io sarò cittadino onorario di Napoli e Napoli è città onoraria nel mio cuore”.

Letterata per formazione. Giornalista per vocazione. Scrivo di teatro perché è magia e immaginazione, rimedio e cura. Perché quello che accade dietro il sipario mi sembra più vero di quello che c'è fuori.