Amore 12 negli spazi di Mapils Gallery

È uno spazio in cui circolano buone e sane energie, che si propone di accogliere l’arte in tutte le sue forme, sotto la regia attenta di Maria Pia De Chiara; e gli eventi culturali, affidati alle cure sapienti di Stella Orazio. Mapils Gallery, a Palazzo Serra di Cassano, in via Monte di Dio 14, ospiterà dal 28 maggio al 20 settembre, “Amore 12. Blu profondo ad Inter-mittenza” di Chiara Anaclio, a cura di Marcello Meo, docente e storico dell’arte.

Chiara Anaclio racconta emozioni, una narrazione aperta di idee e lampi illuminanti. La sua è un’arte in cui confluiscono in modo trasversale le sue esperienze personali: il teatro, la poesia, la ricerca musicale e d’immagine. Il suo è un universo di colori, che emergono con grande vitalità, ed è con questi che emoziona e rassicura nella bellezza, perché fra loro, sono sempre in un rapporto armonico, quasi mai violento, stridente, anche nell’estremo è presente una tonalità capace di raccordare ed equilibrare il tutto.

Le poesie assumono un ruolo importante, in esse troviamo tutto l’amore per la vita, per i sentimenti, per il gioco della seduzione. Amore 12 è una partitura di 12 poesie, un amore notturno consumato nell’arco di 12 ore, o 12 mesi non si sa, certe sono le parole che assumono una dimensione ludica, evocano immagini divertite e in esse respiriamo l’atmosfera di un ricordo felice anche nell’intermittenza del dubbio, dell’attesa, dell’imperfezione. E’ presente un dialogo fra l’artista a 19 anni, immersa nella costruzione di se e dei suoi rapporti e quella di ora. Un ponte temporale simile ad un abbraccio, dove il gioco, l’ironia, la seduzione diventano le sue armi e nelle sue tele quest’ultima si esprime in un’armonia senza pari.

In questa mostra, l’intento dell’artista è quello di farci immergere dentro una storia, una sua storia, coinvolgerci nel suo intimo, con riprese video di una natura magica, madre e rassicurante; una natura che riporta al mondo dello stupore, dell’infanzia che la visione di una lucciola o di una stella cadente, riporta immancabilmente alla luce.

La natura è presente anche nelle sue tele, ci appare nelle sue vibrazioni di colori e di luci, diurne e notturne, in uno stile che potremmo definire: “Impressionismo astratto”. Le sue opere attraggono e ipnotizzano attraverso una lettura lunga e meditativa: è un’immersione in particolari, nel sentimento in cui ci portano. Un altro elemento presente nelle sue tele sono le fluorescenze, vibrazioni luminose e acide che si inseriscono con grazia ed equilibrio cromatico sulla superficie. Sono dei punti, delle macchie che spiccano o appaiono dalle atmosfere sfumate e sognanti. Bagliori cromatici elettrici su atmosfere turneriane e romantiche.

Blu profondo ad inter-mittenza è il sottotitolo di Amore12, colore prescelto in questa mostra nelle sue sfumature. E’ la Notte e quello che di profondo e mistico porta con sè, che Chiara Anaclio sta indagando e come, anche nelle notti più buie, esista un bagliore, una luce intermittente capace di indicarci la strada in modo amorevole, come recita una sua poesia: “le cose sono più semplici di quello che sembrano, per apparire come non sono, È per questo che ho fede nella vita.

Amore 12 – Blu profondo ad Inter-mittenza
CHIARA ANACLIO
28 maggio 2019 – 20 settembre 2019
Opening: 28 maggio 2019 / h 18.30 – 21
Palazzo Serra di Cassano, via Monte di Dio, 14, Napoli

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE