domenica, 08 Dic, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

‘Arrivano i lupi’ in città

0

Esposta a Napoli l’opera dell’artista cinese Liu Ruowang che, con i suoi lupi, ci propone una riflessione sull’odierno rapporto tra uomo e natura.

È stata inaugurata ieri, in Piazza Municipio, l’installazione dell’artista cinese Liu Ruowang composta da 100 lupi che assediano un guerriero: si tratta di fusioni in ferro del peso di circa 3 quintali ciascuna e resteranno in città fino a Marzo 2020, come previsto dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Circondata dai palazzi e con le sirene delle navi da crociera a fare da sottofondo, la scena appare suggestiva e quasi fiabesca, ma cela in realtà un messaggio più che attuale: l’aggressione del branco di lupi al guerriero, da solo, vuole metaforicamente rappresentare la ribellione della natura dinanzi agli atti di devastazione compiuti dall’uomo, il quale, nell’ostinato tentativo di costruire un ‘mondo a sua misura’, sta diventando responsabile di un vero e proprio annientamento del nostro ecosistema.

Partendo da uno studio della storia dell’uomo in funzione del suo rapporto con la natura, il pittore e scultore Liu Ruowang, uno dei maggiori artisti contemporanei, tenta attraverso le sue opere di denunciare il ‘lato cattivo’ della globalizzazione occidentale e si serve dell’arte, quale linguaggio universale, per invitare tutti a riflettere su un tema che tocca trasversalmente ogni abitante del pianeta Terra.

È la prima volta che l’opera, non a caso intitolata ‘Wolves coming’ (Arrivano i lupi), viene esposta per intero: alla Biennale di Venezia e all’Università di Torino, infatti, erano presenti soltanto alcune statue della collezione.

Studentessa di legge, amante della parola da sempre. Insaziabile curiosa, sono costantemente in cerca di nuovi volti, paesaggi, emozioni con cui confrontarmi. Cultrice del vintage e appassionata di film e musica molto più anziani di me. Scrivo per catturare un po' della bellezza che incontro.