martedì, 10 Dic, 2019 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Consegnato a Raffaele Squitieri il “Premio Enti e Istituzioni”

0

Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti, è l’uomo dell’anno per la “l’alto servizio che rende a tutela della trasparenza e dell’interesse della Comunità nazionale”.

Il magistrato ha ricevuto, lo scorso giovedì 17 aprile a Roma, il “Premio Enti e Istituzioni”, promosso dall’Università Telematica Pegaso e dall’Aprom, l’Associazione per il Progresso del Mezzogiorno, presieduto da Luigi Nicolais.

A consegnare la targa, offerta dal maestro orafo Michele Affidato, fornitore ufficiale di Sanremo, è stato il presidente della Pegaso, Danilo Iervolino. “E’ un esempio per le nuove generazioni di una vita al servizio dello Stato” ha detto Iervolino nel premiare Squitieri.

Alla cerimonia, svoltasi a Casina Valadier e moderata dal giornalista televisivo Piero Muscari, hanno partecipato autorevoli esponenti del mondo della magistratura e delle istituzioni, i rettori delle principali Università italiane, accademici, giornalisti ed editori.

Momento della cerimonia di consegna della targa

Presenti, tra gli altri, il Prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro; Giorgio Santacroce, Primo Presidente della Corte di Cassazione; Luigi Ciampoli, Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di
Appello di Roma; Giorgio Mulè, Direttore di Panorama; l’Onorevole Gianni Letta.

“Mi sento in difficoltà – ha detto un imbarazzato Raffaele Squitieri al momento della premiazione – mi fate sentire una star. Sono molto lusingato di ricevere questo premio, anche se non sono abituato a
tutto questo, ho sempre lavorato in silenzio. Non pensavo che un giorno mi sarei trovato davanti a tutte queste persone venute qui solo per me”.

In un momento storico in cui l’immagine del Paese non è ai massimi livelli e in cui la gente comune sente forte il distacco dalle Istituzioni, il Premio vuole spezzare una lancia a favore di un mondo che non è tutto uguale grazie a personalità di alto profilo, come il presidente della Corte dei Conti, che ogni giorno operano per il bene della collettività in silenzio e lontano dal clamore mediatico.

A leggere le motivazioni, invece, è stato il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, che ha messo in risalto l’alto servizio che rende ogni giorno al Paese.

Nel corso della serata hanno preso la parola anche Giorgio Santacroce, primo presidente di Cassazione, e l’onorevole Gianni Letta. Il primo ha ripercorso le tappe delle loro carriere, “vicine anagraficamente”, anche se condotte in settori diversi, (magistratura contabile da una parte e quella ordinaria dall’altra), ed ha elogiato l’alto livello dell’attività scientifica da lui svolta. Il secondo, invece, ha sottolineato l’importanza di iniziative come questa, che “fanno onore all’Italia – ha detto Letta – e che danno lustro all’intera comunità”.

Consegna del Premio Enti e Istituzioni a Raffaele Squitieri,