lunedì, 18 Gen, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Dal 25 al 30 dicembre, il Concerto di Natale ispirato alla Cantata dei Pastori, in streaming alla Domus Ars

0

Alla Domus Ars in via Santa Chiara arriva il Natale anche quest’anno. A partire dal 25 dicembre (alle 19:00) e fino al 30 dicembre, nel pieno rispetto della normativa anti-Covid, si potrà assistere in streaming sulla sua pagina Facebook al Concerto di Natale ispirato alla Cantata dei Pastori. Il Concerto, prodotto da Il Canto di Virgilio con il contributo della Regione Campania, è a cura di Carlo Faiello.

Contaminazioni

Tra tradizione e innovazione, il concerto ha in scaletta le composizioni più rappresentative del periodo natalizio, da Roberto De Simone a Raffaele Viviani, da Carlo Faiello a Sant’Alfonso Maria de’ Liguori. Un flusso musicale e poetico che vive della contaminazione di elementi colti con altri propri del repertorio popolare della Campania.

Quest’anno ci sarà una ‘Cantata’ senza pubblico – ha commentato Faiello. “Privi della vera anima dei concerti ‘live’ e senza quell’energia che solo la presenza degli spettatori riesce a creare, a trasmettere, a contagiare ce la metteremo comunque tutta per ringraziare il nostro pubblico con cui da anni condividiamo la passione per la musica. Abbiamo ritenuto fondamentale proporre questo concerto nel rispetto della tradizione della Domus Ars e anche per permettere agli artisti di poter lavorare in un momento così delicato”.

I protagonisti

Protagonista dello spettacolo è Giovanni Mauriello, già fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare e prezioso custode della celeberrima Cantata dei pastori, versione anni Settanta. In scena ci saranno anche le cantanti e attrici Marianita Carfora ed Elisabetta D’Acunzo, con la partecipazione del figlio d’arte Matteo Mauriello. Le parti musicali, elaborate da Carlo Faiello, sono affidate all’Ensemble Santa Chiara Orchestra composta da Gerardo Buonocore (piano e fisarmonica), Sasà Brancaccio (contrabbasso), Pasquale Nocerino (violino), Edo Puccini (chitarra). Gli arrangiamenti e la direzione musicale sono a cura di Carlo Faiello, mentre la regia è di Roberto Bontà Polito.