…e ricomincia il canto – omaggio a Lucio Dalla a dieci anni dalla scomparsa

Omaggio a Lucio Dalla, a dieci anni dalla scomparsa, attraverso le parole e la musica delle sue canzoni più belle.

E ricomincia il canto… del tenore, dell’uomo, di Lucio Dalla, di colui che ha appena abbracciato una ragazza. Gli occhi lucidi per il pianto, per l’emozione, per una vita passata in rassegna che si appresta a finire, per il golfo di Surriento, che alla fine è sempre lo stesso. Quel golfo, quel mare, che impassibile assiste a gioie e dolori di un uomo, che senza emozioni ascolta l’ennesima canzone che gli viene dedicata. Quel mare se ne frega… anche se è la musica più bella di sempre.

E ricomincia il canto… di chi ha ancora il coraggio di amare. Amare sul serio, però. Sentirlo nello stomaco, prima ancora che nel cuore. Sentirlo nelle vene, nella morsa di una catena. È un’altra cosa l’amore, un’altra cosa rispetto a tutte le altre cose. Ultimamente, si vedono persone amare per molto poco, e altre persone odiare per molto meno. Ma solitamente si riconoscono quelli che amano davvero… si vede dagli occhi, e da come cantano.

E ricomincia il canto… di chi è felice. Che cosa assurda, di questi tempi. Quella felicità, che quando passa non si sa. Ma non si sa non solo perché non avvisa, ma perché spesso neanche la riconosciamo. Noi no… noi siamo i più scarsi conoscitori di noi stessi, ma gli altri se ne accorgono. Solitamente si riconoscono quelli che sono felici… si vede dagli occhi, e da come cantano. Sì, come quando sono innamorati, che coincidenza.

E ricomincia il canto… di chi oggi ricorda. Perché sono passati dieci anni e troppe cose sono successe e stanno succedendo. Altri dieci ne stanno arrivando e tra dieci anni passeranno. Ma non siamo mai stati pronti… è questa la verità.

Però guardiamo il mare che non ci ricambia;

però amiamo anche quando non dobbiamo, anche chi non ci vuole, anche chi ci odia perché tutti, a modo nostro, abbiamo bisogno di carezze, soprattutto quando non lo ammettiamo;

però siamo felici anche quando ci è rimasto molto poco per cui esserlo.

Vedi, caro Lucio, cosa si deve inventare, per poter riderci sopra, per continuare a sperare che un giorno ricominci il canto del mondo intero. Ma canteremo ancora, tutti insieme, quando taceranno le bombe, dobbiamo giurarcelo fino a crederci davvero. Intanto, anche se ognuno per conto suo, oggi cantiamo una tua canzone perché chissà, chissà, domani su che cosa metteremo le mani. Se si potrà contare ancora le onde del mare, e alzare la testa… Non esser così seria. Rimani. I russi, i russi, gli americani…

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE