venerdì, 04 Dic, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Franco Ricciardi: «‘E canzon so’ piezz’ ‘e core»

0

Oltre trent’anni di carriera e un pubblico che lo ha sempre appoggiato, anche quando il “cuore nero” ha effettuato una scelta importante, che ha rivoluzionato il suo stile. Stiamo parlando di Franco Ricciardi, uno degli artisti più elogiati del palco partenopeo, al quale sono stati riconosciuti numerosi meriti non solo per i suoi testi ma anche per la sensibilità dei temi trattati, quali l’emarginazione, il disagio e la violenza. 

franco ricciardi

Attraverso questi temi, Ricciardi tenta di raccontare la sua complicata infanzia di umili origini in un quartiere discusso e visto agli occhi di tutti come “l’epicentro della criminalità organizzata”. Tuttavia, con l’affermazione “Scampia è casa mia”, l’artista vuole sottolineare l’influenza che questa residenza ha avuto sulla sua carriera. Le periferie del mondo non sono solo quello che si dice e si sente in giro; ci sono molte brave persone che devono vincere i pregiudizi. Questo è l’obiettivo principale delle sue produzioni; la musica, per Franco Ricciardi, è un lavoro di emozioni, perché è questo che giunge al pubblico.

franco ricciardi

Non si tratta semplicemente di numeri o classifiche, ma di quello che abbiamo dentro, le idee che si spingono al di là delle mode ingenue apprezzate dalla massa. In questo senso, la musica, sostituendosi alle apparenze passeggere e divenendo il primo mezzo per diffondere la propria verità, può rappresentare un riscatto sociale per tanti ragazzi la cui situazione familiare ed economica è critica e che chiedono maggiore presenza delle istituzioni.

franco ricciardi

È proprio una storia di riscatto che Franco Ricciardi racconta nel singolo “Cuore nero”: siamo sul finire del secolo quando arriva un’importante svolta per l’artista, che collaborerà con i 99 Posse nel pezzo “Simm’ tutt’ african”. Da un punto di vista artistico questi anni rappresentano una vera e propria svolta, poiché Ricciardi abbraccia per la prima volta anche il pubblico che non apprezzava le composizioni neomelodiche.

franco ricciardi

I suoi testi si caratterizzano per l’estrema semplicità con la quale egli riesce a mettere in risalto l’importanza e la serietà degli argomenti trattati. “È semplice fare i difficili, ma è difficile essere semplici”: spesso partire dalla periferia è dura, ma a volte la “marcia in meno” serve per avere la forza e la tenacia necessarie per andare avanti, per esprimere il meglio di sé stessi.

Giuseppe Salzano e Riccardo Iorio

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086