venerdì, 28 Gen, 2022 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Grottino di Roccanova IGT

0

Nonostante l’antica tradizione vitivinicola, attualmente in Basilicata esistono solo due denominazioni di origine controllata: Aglianico del Vulture e Terre dell’Alta Val d’Agri. Nessuna delle due contempla un disciplinare in cui si preveda la produzione di vini dolci. Tale produzione si identifica dunque nelle due zone IGT (Indicazione Geografica Tipica): Basilicata o Lucania e Grottino di Roccanova. I vini IGT seguono un disciplinare meno rigido rispetto a quello di DOC e DOCG ma la qualità spesso è davvero eccellente. I vini prodotti sono di tipologie diverse: bianchi, rossi, rosati, frizzanti e dolci. La zona di produzione è molto estesa. La garanzia della sigla IGT è legata alla provenienza delle uve, che devono derivare da vigneti iscritti in un apposito albo.

Di particolare pregio sono i vini dolci prodotti nella IGT Grottino di Roccanova. In particolare si distinguono il Bianco Passito e l’Amabile, ottenuti da uve autorizzate coltivate in provincia di Matera e Potenza. Le produzioni possono essere tra loro molto diverse a seconda dei vitigni utilizzati e delle caratteristiche proprie dell’azienda produttrice. L’Aglianico Bianco Passito deriva da uve dell’omonimo vitigno sottoposte a supermaturazione in vigna o ad appassimento dopo la vendemmia in appositi locali.

TEMPERATURA DI SERVIZIO:10-12 °C
ORIGINE:Italia
Tutti i vini dolci: Basilicata

ABBINAMENTI:
pasticceria secca, pasta di mandorle, crostate con confettura di frutta rossa, torta al formaggio.