domenica, 05 Lug, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

I pensieri delle donne a confronto in uno speed date tutto al femminile

0

“Estratti di anime femminili”: questo il titolo emblematico scelto per un evento singolare, che si svolgerà per quattro giovedì presso l’Emeroteca Tucci, a Napoli, in piazza Matteotti, nel Palazzo delle Poste. Quattro incontri dedicati esclusivamente ad un pubblico femminile, espressione di un progetto pensato e promosso da due giornaliste, Carolina Fenizia e Francesca Saveria Cimmino, inserito nel calendario del “Marzo donna 2016”, organizzato dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Napoli.

napoli_emerotecatucciGli incontri si apriranno con reading dedicati al mondo femminile, nei quali saranno impegnate alcune attrici campane, tra cui Antonella Morea, Nunzia Schiano e Rosaria De Cicco. Quindi, spazio alle donne partecipanti – previste circa venti per ogni incontro – che saranno protagoniste di un originalissimo speed date tutto al femminile.

Nunzia-Schiano-1Prima di iniziare il confronto con le altre donne, ciascuna dovrà pensare a dei temi da affrontare, e dovrà scriverli su dei bigliettini che verranno inseriti in un’ampolla ed estratti a caso. Quindi partiranno i dialoghi, dieci minuti per ogni argomento, poi il cambio di partner e un nuovo tema da affrontare. Questo il calendario degli incontri: giovedì 17 marzo ore 10-13; giovedì 31 marzo ore 10-13; giovedì 7 aprile ore 10-13; giovedì 14 aprile ore 15-18. Per prendere parte agli appuntamenti è necessario prenotarsi inviando una mail all’indirizzo estrattidianimefemminili@gmail.com.

antonella MoreaIl progetto non si concluderà con il momento di confronto e condivisione degli speed date in Emeroteca, ma proseguirà, infatti alle donne partecipanti – di qualunque etnia, ceto sociale, cultura ed età – verrà chiesto di inviare tramite posta elettronica un elaborato su uno o più dei temi trattati negli incontri, racconti di massimo due pagine firmati con il solo nome di battesimo, per consentire l’anonimato e la massima serenità e libertà d’espressione.

Donne 1Tutti gli scritti saranno raccolti e rielaborati dalle giornaliste promotrici dell’evento, e poi pubblicati in un piccolo volume che sarà edito da Homo Scrivens; i soldi raccolti con la vendita del libro andranno a finanziare associazioni e centri antiviolenza del territorio.

donne 3“Chi meglio di una donna può capire e raccontare la donna?” si sono chieste le organizzatrici, che nel raccontare il progetto aggiungono: “Il nostro obiettivo è quello di creare un circuito di sinergia e sostegno che vada al di là di qualsiasi tipo di condizionamento culturale, sociale, anagrafico e sessuale, e che prosegua anche quando sarà terminato il ciclo degli incontri”.