giovedì, 20 Gen, 2022 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Il 16 ottobre tutti alla scoperta della Sanità con la FAImarathon

0

Domenica 16 ottobre, per la quinta edizione di “FAImarathon”, la Giornata FAI d’Autunno, nella quale i volontari dei Gruppi FAI Giovani conducono i cittadini alla scoperta di centinaia di luoghi in tutta Italia con visite guidate a tema, a Napoli verrà proposto, in collaborazione con le associazioni del quartiere, un viaggio alla scoperta del Rione Sanità. L’evento, ideato cinque anni fa in collaborazione con il Gioco del Lotto, mira a sostenere la campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva fino al 31 ottobre; la partecipazione alle visite guidate è dunque a contributo libero, una donazione anche piccola che i volontari raccoglieranno per destinare poi i fondi al restauro di monumenti e luoghi d’arte.

Dalle 10 alle 15, domenica sarà possibile per i napoletani e i turisti visitare la Basilica di Santa Maria della Sanità, costruita tra il 1602 e il 1610 e cuore pulsante del quartiere, e le sottostanti Catacombe paleocristiane di San Gaudioso (prenotazione obbligatoria al numero 081-7443714, o all’indirizzo prenotazioni@catacombedinapoli.it); la Necropoli ellenistica di Neapolis (via Santa Maria Antesaecula 129); l’Acquedotto augusteo del Serino (via Arena della Sanità 5); il Palazzo dei Vincenziani (via Vergini 52), costruito nel 1669 sui resti del monastero trecentesco dei Padri Crociferi, di cui resta traccia nell’antica cripta.

Nel corso della “FAImarathon” sarà visitabile anche la chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini, sita in via Misericordia, la cui data di fondazione è incerta, ma che sembra risalire ad epoca antichissima; sarà possibile inoltre vedere il laboratorio dell’artista Michele Iodice, in Salita Capodimonte, ricavato all’interno di quella che nell’Ottocento era una cava di tufo. Per i soli iscritti FAI, o per coloro che decideranno di iscriversi domenica (con una quota agevolata di 29 euro anziché 39), è prevista una visita esclusiva, alla sede dell’Associazione Brodo nel Palazzo dello Spagnolo, pregevole esempio di barocco napoletano.

In occasione di questa maratona culturale la pasticceria Poppella, la pizzeria Concettina ai Tre Santi e la Caffetteria Primavera riserveranno una speciale attenzione a tutti i visitatori, rendendosi partecipi dell’iniziativa di promozione del quartiere nel quale operano. Padre Antonio Loffredo, parroco di Santa Maria della Sanità da anni in prima linea per promuovere la rinascita e la valorizzazione del rione, invita tutti coloro che parteciperanno alla maratona FAI ad ammirare la scultura in bronzo policromo di Paolo La Motta collocata in piazza Sanità, simbolo di tenacia e speranza: “L’artista l’ha chiamata IN-LUDERE, cioè giocare contro.  Quest’opera è dedicata a tutti i ragazzi e le ragazze di Napoli, uniche promesse per un futuro possibile. La scultura è stata posta dove il giovanissimo Genny Cesarano l’anno scorso, a causa di una violenza assurda, ha interrotto la sua partita, il suo gioco”.

Aggiunge poi delle tristi considerazioni: “Purtroppo nel nostro Paese, l’arte, in tutte le sue forme, spesso è considerata ‘’a pazziella d’’e criature’, qualcosa di superfluo se non di inutile.  Per noi del Rione Sanità, invece, la via della folgorazione, quella della bellezza, quella che passa per i sensi, è l’unica arma che abbiamo  per aprire un varco verso il cambiamento. IN-LUDERE: giocare contro e crederci con tutte le forze opponendo a quell’inevitabile quotidiano, fatto di una violenza inaudita, l’imprevedibilità del gioco, dell’arte e della cultura”. E aggiunge: “Un grande grazie agli amici del FAI che con la loro compagnia da anni ci aiutano a resistere”.

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086