giovedì, 28 Gen, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Il presepe vivente di San Gregorio Armeno: grande spettacolo negli ultimi giorni dell’anno

0

I giorni 29 e 30 dicembre all’interno della basilica di San Lorenzo Maggiore, sita nel centro storico di Napoli, nelle vicinanze della celebre via di San Gregorio Armeno, sarà possibile assistere ad un evento tipico della cultura napoletana, ovvero il presepe vivente. “Nascette ‘nu Ninno a San Gregorio Armeno” è il nome attribuito allo spettacolo che ormai da anni aggrada alla vista di molti cittadini e turisti.

gesù bambino

Negli anni scorsi tale manifestazione era solita svolgersi nel tardo pomeriggio del giorno di Santo Stefano, sempre nei pressi delle basiliche adiacenti a San Gregorio Armeno. Quest’anno sono stati scelti due giorni di fine dicembre per consentire alle oltre 120 comparse del presepe di esibirsi per ben quattro volte, precisamente due volte a giorno.

gesù bambino

Il presepe è una tradizione napoletana, strettamente legata al Natale, che si tramanda ormai da svariati secoli, precisamente dall’inizio del diciottesimo secolo, ed è tutt’oggi sentitissima. Meta di numerosi turisti ogni anno è la via di san Gregorio Armeno, comunemente identificata come la Via dei presepi.

san gregorio armeno

In questa lunga strada si percepisce una atmosfera surreale e magica, all’interno della quale non si può non restare stupiti dalla magnificenza delle opere realizzate dagli artigiani: presepi classici, presepi in stile moderno, statuette rappresentanti personaggi politici, personaggi pubblici, calciatori, attori, comici e molto altro.

mercatini-int-1

Nel periodo natalizio  la via dei presepi napoletani è una tappa certamente obbligatoria, ancor di più se ci si aggiunge una suggestione in più come il presepe vivente. Nel mese di dicembre Napoli è stata una delle città più visitate di Italia, ed è stata la città con il maggior incremento di turismo rispetto agli anni passati superando altre città meravigliose quali Firenze, Roma e Venezia. Non c’è però da stupirsi di questi dati tenendo presente l’unicità e la molteplicità di attività e di patrimoni artistici-culturali di cui la città partenopea gode. Il raggiungimento di tali risultati è da attribuire anche ai vari eventi che sono stati organizzati in città. Contribuirà certamente tanto anche il bellissimo presepe vivente di San Gregorio Armeno di scena in questi ultimi giorni dell’anno.