Il Suono della Parola, un viaggio tra musica e letteratura alla Pietà de’ Turchini alla sua settima edizione

suono della parola
suono della parola

Il Suono della Parola è un viaggio tra musica e letteratura nella suggestiva cornice della Pietà de’ Turchini. Da venerdì 10 a domenica 12 dicembre torna la settima edizione della rassegna prodotto dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, a cura di MiNa vagante, con il sostegno del Ministero della Cultura e della Regione Campania. L’appuntamento partirà nel segno dei giovani con la diretta streaming dall’Istituto Tecnico Fermi – Gadda di Poggioreale, per poi proseguire in presenza presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena nel centro della città.

Dal rap alla musica classica e l’opera lirica, dal ritmo delle parole ai tempi di attesa, dal racconto della città “musicale” fino alla “musica di vino”, cinque appuntamenti per parlare delle diverse forme di linguaggi e musica attraverso le preziose testimonianze di scrittori, musicisti e protagonisti del mondo culturale di oggi. Tra gli ospiti, Paolo Giulierini, Raiz e tanti altri. 

Si inizia Venerdì 10 dicembre (ore 11) con l’incontro dal titolo Potere alle parole. Il RAP a scuola, nella vita: il rapper e writer Amir Issaa, autore di Educazione Rap (add editore, 2021), insieme a Cesare Moreno presidente dell’associazione Maestri di Strada onlus apriranno l’edizione 2021 in un incontro dedicato agli studenti dell’Istituto Tecnico Fermi – Gadda, che il pubblico potrà seguire online sulla piattaforma live della Fondazione Pietà de’ Turchini (turchini.it/live) e sulla pagina Facebook Il Suono della Parola.Protagonista della scena rap italiana Amir Issaa svolge, in Italia e all’estero, lectures e laboratori di musica e rime, usando il rap come strumento didattico, in un percorso che mette al centro gli studenti e la parola, le emozioni e la lingua, la vita e l’esercizio. I suoi testi raccontano l’attualità, il razzismo e le seconde generazioni. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con Maestri di Strada Onlus e Dedalus Coperativa Sociale.

Nel pomeriggio di venerdì 10 dicembre si proseguirà con gli appuntamenti in presenza che si terranno tutti presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina da Siena 38). 

Alle ore 17 l’incontro Napoli Adagio. Sguardi sulla Città Mondo, un omaggio alla città partenopea, per una conversazione con la storica dell’arte Francesca Amirante, con Paolo Giulierini direttore del MANN-Museo Archeologico Nazionale di Napoli e con lo scrittore e critico musicale Michelangelo Iossa. A moderare l’incontro Piero Sorrentino, scrittore e conduttore radiofonico. L’idea prende spunto dal nuovo libro di Francesca Amirante Napoli Adagio, alla scoperta della città dei contrasti (Enrico Damiani Editore, 2021).

Sabato mattina 11 dicembre alle ore 11.30 (Chiesa di Santa Caterina da Siena) lo scrittore Eduardo Savarese e la cantante soprano Maria Grazia Schiavo insieme a Lorenzo Pavolini ci condurranno nel mondo femminile della musica lirica: da Violetta Valery, coraggiosa Traviata, a Madama Butterfly, dalla Contessa mozartiana a Carmen, Elektra e Lucia di Lammermoor fino a Norma, le storie di forza, coraggio e determinazione delle grandi protagoniste dell’opera raccontate nel nuovo libro di Savarese È tardi! (Wojtek Edizioni, 2021) saranno al centro dell’incontro dal titolo Il tempo e l’attesa: storie di donne all’opera. Sabato 11 dicembre alle ore 19 (Chiesa di Santa Caterina da Siena) un appuntamento speciale con il cantautore e attore, Raiz nome d’arte di Gennaro Della Volpe, autore del libro Il Bacio di Brianna (Mondadori, 2021) in dialogo con Alberto Rollo autore del romanzo Il miglior tempo (Einuadi, 2021), e al pianoforte Ivano Leva. Un incontro a metà fra la lettura e lo spettacolo: dai Lieder di Schumann a Raiz che canta Brecht e Nun te scurdà, accompagnato dalle letture e dai commenti di Alberto Rollo. Una festa di note e parole per esplorare il tempo e il mondo in cui viviamo con l’incontro/performance dal titolo Il nostro tempo migliore. Da Schumann a Sanacore passando per Bertolt Brecht. Musica di vino. Un viaggio attraverso i brindisi di grandi musicisti è il titolo dell’appuntamento che domenica 12 dicembre alle ore 11,30 (Chiesa di Santa Caterina da Siena) vedrà esibirsi Giovanni Bietti (pianoforte e narrazione) e Luca Caponi (percussioni) chiudendo questa settima edizione. Un appuntamento ghiotto per gli amanti della musica e non solo. 

Info 

Il programma di tutti gli appuntamenti  su http://www.turchini.it/
e sulla pagina facebook: Il Suono della Parola (facebook.com/ilsuonodellaparola/)
Tutti gli incontri presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazione consigliata inviando mail a coordinamento@turchini.it.
L’accesso è consentito ai possessori di green pass. È obbligatorio l’uso della mascherina.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE