martedì, 24 Nov, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

In tutte le librerie “Peppino di Capri e i suoi Rockers” di Gianmarco Cilento

0

È in tutte le librerie italiane il libro “Peppino di Capri e i suoi Rockers” di Gianmarco Cilento, recentemente pubblicato da Graus Editore, con la prefazione del compositore e cantautore Mimmo di Francia.

Il volume si articola in sei capitoli e racconta la carriera di Peppino di Capri dall’esordio con il batterista Ettore “Bebè” Falconieri nel 1954 circa fino al 1968, anno dello scioglimento del complesso formatosi dieci anni prima, “Peppino di Capri e i suoi Rockers”. 

Peppino di Capri e i suoi Rockers - copertina

Nonostante la lunga carriera artistica di Peppino di Capri, questa monografia si ferma allo scioglimento del primo complesso, per una ragione specifica. Peppino di Capri non è da considerare un solista assoluto, in quanto nel decennio che ha maggiormente caratterizzato il suo personaggio musicale, appunto gli anni Sessanta, molta della sua fama di interprete e di arrangiatore si lega indissolubilmente al merito dell’eccellente collaborazione coi Rockers, con cui il cantante ha lanciato alcuni tra i suoi brani più noti. L’autore affronta l’argomento da un punto di vista scientifico, ma anche critico e investigativo, basandosi sulle fonti autorevoli e collaudate presenti in bibliografia. Il libro contiene interviste originali dell’autore ai “Rockers” e ricostruisce nel dettaglio la rassegna stampa e le apparizioni televisive del complesso, razie a fonti cartacee d’epoca e un paziente e minuzioso lavoro di consultazione del Catalogo Multimediale della RAI.

L’autore

Gianmarco Cilento vive a Roma, dove studia e si occupa di critica cinematografica. Laureato in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza, collabora con le testate Dasscinemage, Il Marsili Notizie. I suoi principali interessi sono rivolti allo studio della Storia del cinema, dei New media e della Musica popolare internazionale.

Letterata per formazione. Giornalista per vocazione. Scrivo di teatro perché è magia e immaginazione, rimedio e cura. Perché quello che accade dietro il sipario mi sembra più vero di quello che c'è fuori.