Te voglio bene assaje… e tu nun pienze a me

Te voglio bene assaje
Te voglio bene assaje

Così come abbiamo fatto sul numero cartaceo Voce ‘e notte, raccontiamo la storia (inventata o reale, chi lo sa) dietro le canzoni classiche napoletane. Oggi riascoltiamo Te voglio bene assaje, qui nella versione di Massimo Ranieri.

La storia (inventata o reale) di Te voglio bene assaje

Ho elencato una per una tutte le cose più brutte che possano accadere a chi ama unilateralmente, e poi ho scelto solo la peggiore. E quindi, al primo posto ci ho messo l’indifferenza.

Non è un’indifferenza generale, totale, ma un’indifferenza di riflesso. Cioè: a ogni gesto corrisponde esattamente il nulla; a ogni, anche ridicolmente espressa, manifestazione di interesse equivale una fredda mancanza di attenzione. Quando questa irrimediabile freddezza si trasforma in fastidio… allora si dovrebbe smettere. Per rispetto dell’altro, per amore di sé. Ma il problema è che spesso vince l’amore per l’altro e si perde il rispetto di sé.

Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’a gatto?
Nennè che t’aggio fatto
ca no mme può vedé?

Poi, ho elencato una per una tutte le cose più brutte che possano accadere a chi non riesce di smettere di amare chi non vuole più essere amato, e poi ho scelto solo la peggiore. E quindi, al primo posto ci ho messo l’irraggiungibile rassegnazione.

Sembra così facile chiudere le porte, così semplice dimenticare, così immediato passare oltre, ma invece è impossibile. Senza girarci intorno: è impossibile. E allora si odia e ci si odia, perché ciò che non si può avere rappresenta uno stimolo quando è sogno o desiderio, ma diventa un fardello quando è meta irraggiungibile.

Lo dico ‘mmeretà.
Io jastemmà vorrìa
lo juorno ca t’amaje.

E ancora, ho elencato una per una tutte le cose più brutte che possano accadere a chi ama qualcosa che sfugge, e poi ho scelto la peggiore. E quindi, al primo posto ci ho messo l’insonnia.

Pensare… è così sottovalutato. Tutti legati a ciò che si dice, a ciò che si esterna, ma se solo si percepissero i pensieri il mondo intero sarebbe diverso. È solo nei nostri più intimi pensieri che albergano i desideri più profondi. E di notte soltanto quei pensieri salgono in superficie e riempiono la mente e il corpo, allontanano il sonno, nonostante sappiano che solo nel sogno quei pensieri potrebbero tramutarsi in realtà. Inconsistente, ma pur sempre realtà.

La notte tutti dormono,
ma io che vuò durmire?
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d’ora sonano
a uno, a ddoje, a tre…

In ultimo, non contento, ho elencato tutte le cose più belle che possano accadere a chi ama in generale, e non ho saputo scegliere la migliore. Ma in qualche misura, ho ritrovato anche ciò che avevo classificato tra le cose peggiori.

Questo perché chi ama davvero non lo fa perché deve essere ricambiato ma perché vuole essere ricambiato, e se lo ripete ogni notte, per trovare la forza di non arrendersi, fino a cambiare, di poco ma nettamente, il senso di tutto questo: io te voglio bene assaje… anche se tu nun pienze a me.

Il testo completo

Te voglio bene assaje (1839) – Testi di Raffaele Sacco, musica di Filippo Campanella

Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’a gatto?
Nennè che t’aggio fatto
ca no mme può vedé?
Io t’ ‘aggio amato tanto,
si t’amo tu lo saje

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

‘Nzomma songh’io lo fauzo?
Appila sié maesta,
ca ll’arta toja è chesta.
Lo dico ‘mmeretà.
Io jastemmà vorrìa
lo juorno ca t’amaje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

La notte tutti dormono,
ma io che vuò durmire?
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d’ora sonano
a uno, a ddoje, a tre…

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno
ca stive a me becino,
e te scorréano, ‘nzino,
‘e llacreme, accossì.
Deciste a me: “Non chiagnere,
ca tu lo mio sarraje”.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Guardame ‘nfaccia e vide
comme songo arredutto:
sicco, peliento e brutto,
nennélla mia, pe tte.
Cusuto a filo duppio
cu tte me vedrarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Saccio ca nun vuò scennere
la grada quanno è scuro.
Vatténne muro muro,
appòjate ‘ncuoll’a me.
Tu, n’ommo comm’a chisto,
addó lo trovarraje?

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Quanno so’ fatto cennere,
tanno me chiagnarraje,
tanno addimannarraje:
“Nennillo mio addo’ è?”
La fossa mia tu arape
e lla me trovarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

 

Vedi anche:
Musiche di Napoli: Pino Daniele, tu dicci quando, quando…

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE