venerdì, 25 Set, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“La bellezza ritrovata”, la mostra fotografica a San Domenico Maggiore

0

Il Complesso di San Domenico Maggiore, vico San Domenico Maggiore, 18, ospita fino al 26 febbraio la mostra fotografica ‘La bellezza ritrovata – A shot for hope‘ di Charley Fazio e i bambini siriani rifugiati a Kiliso, ad ingresso gratuito.

La bellezza ritrovata - locandina

La mostra a cura di Charley Fazio per Joy for Children APS, Associazione di promozione sociale senza scopo di lucro, rappresenta un viaggio fotografico alla scoperta dei sorrisi dei bambini rifugiati siriani al confine turco.

“La bellezza ritrovata” nasce durante le missioni umanitarie svolte dall’Autore nella cittadina turca di Kilis. Nei Paesi confinanti con la Siria si trovano oggi milioni di rifugiati e solo a Kilis migliaia di bambini vivono in alloggi di fortuna senza alcuna prospettiva se non la passiva sopravvivenza. Charley Fazio, grazie alla sua straordinaria sensibilità, ha saputo ritrarre la bellezza interiore da loro custodita rendendo i piccoli rifugiati vere e proprie icone di resilienza. 

Gli scatti, commoventi e delicati, raccontano l’atmosfera in cui vivono i bambini in esilio, la loro miseria e permettono di percepire concretamente la profonda dignità che li anima. Il percorso espositivo diventa quindi un potente strumento di interazione educativa attraverso lo sguardo offerto e ricevuto.

La mostra “La bellezza ritrovata”, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo, è sostenuta dall’Associazione Joy for Children APS impegnata con diversi progetti di sostegno a favore dei minori protagonisti dell’esposizione.

Arricchirà il percorso fotografico la proiezione dei video racconti ‘Città di polvere’ e ‘The border’ realizzati dall’autore durante le missioni umanitarie al confine siriano.

La cura del progetto è affidata a Titti Di Vito, ideatrice e curatrice di eventi culturali, responsabile della comunicazione e dell’opera artistica di Charley Fazio.

Orari mostra:
ingresso libero dal lunedì al sabato, ore 09:00 – 18:30.

Letterata per formazione. Giornalista per vocazione. Scrivo di teatro perché è magia e immaginazione, rimedio e cura. Perché quello che accade dietro il sipario mi sembra più vero di quello che c'è fuori.