La storia del “ciuccio”

1 agosto 1926, il Naples e la Fbt Internaples si fusero nell’Associazione Calcio Napoli.
Presidente l’allora 32enne Giorgio Ascarelli. Nativo del quartiere Pendino, il giovanissimo industriale Ascarelli in meno di sette mesi, dotò la città e la squadra del Napoli di un nuovo stadio, il “Vesuvio”, che fu edificato nel rione Luzzatti ed inaugurato con la partita Napoli-Triestina vinta 4-1 dagli azzurri, era il 16 febbraio 1930.

stadio vesuvio

 

Indelebile nella memoria dei tifosi fu, però, la partita del 23 febbraio contro la Juventus. I bianconeri conducevano 2-0, ma grazie a una doppietta di di Buscaglia il risultato si equilibrò sul 2-2. Il pubblico napoletano era in visibilio. Era l’atteso riscatto per la disfatta del primo campionato: un solo punto in classifica ottenuto in un pareggio a reti bianche con il Brescia. Campionato 1926/27: 61 reti incassate e 7 realizzate. Fu allora che lo stemma iniziale della squadra, un cavallino rampante, fu sostituito con ironica autocritica da parte dei dirigenti della squadra con il “ciuccio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE