martedì, 19 Gen, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“L’ultimo Whisky con il Cappellaio Matto” di Nello Petrucci candidato ai David di Donatello 2021

0

L’ultimo Whisky con il Cappellaio Matto” è il titolo del cortometraggio scritto e diretto da Nello Petrucci, attualmente  in concorso al Festival del Cinema di Salerno e candidato ai David di Donatello 2021. Il corto sarà trasmesso questa sera alle 23.25 sul sito web del Festival del Cinema di Salerno, palcoscenico virtuale  di questa edizione 2020 , che ha saputo adattarsi alle difficoltà organizzative causate dal Covid-19 in una formula originale e all’altezza dei tempi. Già vincitore  a Los Angeles dell’Indie film festival e del Best Istanbul film festival in Turchia, iè prodotto dalla Satyr M.B. production e co-prodotto da Contemply.

Una continua ricerca del tempo perduto, cifra stilistica di Petrucci, e leitmotiv della sua Alice, ormai donna, catapultata nuovamente in quel mondo fantastico, carico di simbologia, dove ritrova il “cappellaio matto”. Dialoghi tra il filosofico ed il paradossale sull’io, il sogno, il tempo, sull’abitare il mondo con uno sguardo diverso.

Girato ad Apice vecchia, nel beneventano, protagonista del corto  è la curiosità innata che alberga in Alice, magistralmente interpretata da Titti Nuzzolese, che la porta a rincontrare, da grande , alcuni personaggi del racconto di Lewis Carroll. In fuga dallo spleen di una quotidianità che non la soddisfa, Alice ritrova il suo sguardo da bambina nel “mondo delle meraviglie”.  Il film mette insieme due figure molto interessanti, “il cappellaio”, che rappresenta il nostro subconscio ed “Alice” che vive nettamente  in superficie, un contrasto enorme.

Petrucci mette al centro “la dimensione del tempo” , un tempo che è spesso al di fuori dell’orologio, che resta sospeso come una sorta di limbo, come le mongolfiere disegnate nella casa del cappellaio.

La struttura narrativa del corto pullula di  citazioni e metafore: basti pensare al ” viandante” che dà indicazioni ad Alice, chiaro riferimento a  Nietzsche e al contempo a David Casper o al Cappellaio con il suo tè delle cinque, ovvero la routine, che si incontra e si scontra con il tempo e la follia umana nel gestirlo.

Maschere sparse un po’ ovunque, una fotografia virtuosa e dai colori saturi che conferiscono al lavoro una dimensione surreale.

Il film è stato girato in 4 giorni, con sei mesi di lavorazione: gli interni sono stati ricostruiti totalmente,  negli studi della Satyr production, mentre gli esterni sono costituiti da un vero e proprio set naturale, quello di Apice vecchio, paesino dimenticato dal tempo.

Il cast vanta nomi di tutto rispetto, tra cui: Ciro Cascina, co-protagonista nei panni del “Cappellaio”; Bret Roberts , attore americano molto apprezzato nelle vesti della “Lepre Marzolina”; Egidio Carbone alias  il“ Viandante”.

“Il tempo per me è un elemento chiave, una continua ricerca, questo lavoro traccia una linea fondamentale per riflettere su un tema che continua a sorprendermi.” Commenta Petrucci, regista e sceneggiatore de “L’ultimo Whisky con il Cappellaio Matto” , che aggiunge: “Ho lavorato con una troupe fantastica, un set familiare, circondato da tanto amore, è stato un lavoro corale, di tutti, questo ha reso il progetto magico”.

 

L’Espresso napoletano è una rivista di arte e cultura che racconta il bello e il buono della Campania. Nella sua versione cartacea, in edicola ogni mese, si ritrova una particolare attenzione alle tradizioni del popolo partenopeo, nel tentativo di contribuire alla loro salvaguardia e valorizzazione. Per chiedere l'abbonamento alla rivista: info@rogiosi.it 0815564086