venerdì, 17 Set, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“Nel ventre di Napoli”, la piccola Amal dalla Siria arriva alla Sanità

0

Amal è una marionetta di tre metri e mezzo, rappresenta una bambina siriana rifugiata di 9 anni, il suo nome in arabo significa “speranza”. Il 9 settembre Amal arriva a Napoli alla Sanità. Il suo viaggio è iniziato il 27 luglio dal confine tra Siria e Turchia e avrà come ultima tappa il Regno Unito. Dal 7 al 19 settembre la marionetta è accolta in Italia da grandi eventi culturali, spettacoli pubblici ed eventi di comunità in 13 città e piccoli centri. Giovedì 9 settembre alle ore 15.00 Amal arriva in piazza Sanità per Nel ventre di Napoli, evento gratuito.

Si parte da da Palazzo dello Spagnuolo, con una parata di un gruppo di otto artisti di strada del Teatro Potlach e dalla Banda Basaglia – realizzata con il sostegno della Fondazione Campania dei Festival –, che accompagneranno Amal in piazza Sanità. Ad accoglierla, sarà l’intervento artistico del Nuovo Teatro Sanità. A Chiarastella Sorrentino e Dalal Suleiman sono affidate le parole del poeta siriano Faraj Bayrakdarche, tradotte in napoletano da Mario Gelardi. 

Infine Amal riceverà il saluto dei bambini e delle bambine della Rete Educativa del Rione Sanità, con una coreografia della compagnia TrasFORMAzioneANIMATA e le verrà consegnata una grande gonna cucita grazie all’impegno di Nakupenda, Sartoria Sociale, mentre Daniela Pistis dell’associazione Pegaso leggerà una lettera scritta per lei.

Nel ventre di Napoli è a cura del Nuovo Teatro Sanità e della Fondazione Campania dei Festival, in collaborazione con C.A.S.A., Fondazione San Gennaro, Rete educativa Rione Sanità, TrasFORMAzioneANIMATA, La Murga, Nakupenda Sartoria Sociale. L’evento rientra nel progetto The Walk_Il Cammino, il più grande festival itinerante internazionale dedicato ai diritti dei bambini rifugiati, prodotto dal regista tre volte candidato al premio Oscar Stephen Daldry, da Tracey Seaward, produttrice di The Constant GardenerThe Two Popes di Meirelles e War Horse di Spielberg,  dal pluripremiato regista teatrale e drammaturgo David Lan e da Good Chance, in associazione con la Handspring Puppet Company, con la direzione artistica di Amir Nizar Zuabi. Un appuntamento a cui non mancare, per grandi e piccini, che unisce il cuore di Napoli al pluri martoriato Medio Oriente che non è poi così lontano da qui. 

Francesca Saturnino è nata a Napoli nel 1987. Critica teatrale, insegnante e giornalista. Collabora con riviste e giornali nazionali e locali. La sua passione, tra le altre, è scovare storie, mestieri e personaggi di una Napoli antica e desueta e raccontarli per mantenerne viva la memoria.