giovedì, 24 Set, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

“Ogni singolo giorno”, il documentario sulla “terra dei fuochi” fa tappa alla Mediateca S. Sofia

0

Della terra dei fuochi si parla ancora molto. Guerre di cifre fra gli “addetti ai lavori”, divergenze profonde tra Istituzioni e cittadini, dichiarazioni improbabili di musicisti nella notte più lunga dell’anno. Ancora troppo poco se ne parla in termini di rinascita e di speranza.

manifestanti in piazza

Il documentario “Ogni singolo giorno” di Thomas Wild Turolo, prodotto dalla Rogiosi Editore, intende proprio andare in quest’ultima direzione invertendo il punto di vista finora adottato dai media: protagonista non è il rifiuto, ma l’uomo, la sua volontà di reagire e di lottare per il proprio benessere. La “terra dei fuochi” è raccontata attraverso l’intreccio delle storie di persone (il prete, il medico, il fotoreporter, una mamma, una giovane donna, un attivista, un agricoltore) che ogni giorno spendono la propria vita per dire “no” al biocidio. Storie di speranza e di coraggio, di amore infinito verso quel bene comune che è la propria terra.

Dopo aver partecipato a svariati festival nazionali e internazionali (in concorso ai David di Donatello 2015) e girato in molte città d’Italia, tra cui Milano, Bologna, Modena, Cosenza, il documentario approda il 26 Marzo ore 18.00 anche alla Mediateca S. Sofia a Napoli (in via S. Sofia n.7) grazie al patrocinio dell’Assessorato ai Giovani, alla Creatività e innovazione del Comune di Napoli.

mediateca-santa-sofia

Il lavoro documentaristico è nato dal casuale incontro tra la giornalista napoletana Ornella Esposito, attivista per i diritti civili, e il regista friulano Thomas Wild Turolo, già autore di lavori filmici ad alta rilevanza sociale.

Il binomio nord-sud, quindi esterno/interno, è uno dei punti di forza dell’opera che intende non solo proporre un diverso punto di vista sulla “terra dei fuochi”, ma soprattutto far conoscere il problema fuori dai confini campani e nazionali.

Ad impreziosire il lavoro filmico le musiche – gentilmente concesse da Edizioni Graf e Mad Entertainment – dei Foja, gruppo tra i più interessanti nel panorama della musica indipendente napoletana (candidati al David di Donatello 2014 e ai Nastri d’Argento 2014).

Foja

Valore aggiunto del documentario è stata inoltre la troupe stessa composta dal direttore della fotografia Vincenzo Sbrizzi, la fotografa Marta Accardo, il fonico in presa diretta Davide Mastropaolo e Mauro Pagnano, fotoreporter della “terra dei fuochi”, tutte persone fortemente impegnate nel sociale.

Al termine della proiezione seguirà un dibattito moderato dalla giornalista Francesca Ghidini (Tg3 Campania) cui prenderanno parte: Alessandra Clemente, Assessore ai Giovani, Creatività e innovazione del Comune di Napoli; Ornella Esposito, giornalista e co-autrice del documentario, Antonio Marfella, oncologo dell’Istituto Tumori “Pascale” di Napoli e medico per l’ambiente, Marzia Caccioppoli, mamma e membro dell’associazione “Noi genitori di tutti”.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.