Pranzo di solidarietà al Teatro di San Carlo

Il Teatro di San Carlo di Napoli si apre alla solidarietà, e lo fa offrendo un pranzo pasquale ai bisognosi giovedì 24 marzo alle ore 13. L’iniziativa segue di pochi mesi il pranzo di Natale, organizzato il 23 dicembre scorso sempre nel foyer del teatro, primo esperimento del genere che coronava un percorso iniziato da tempo, il “San Carlo per il sociale”, nato, come spiega la sovrintendente Rosanna Purchia, “dall’attenzione che abbiamo per chi soffre nel territorio e nel mondo”.

Napoli - Real Teatro San CarloCome è già successo per l’appuntamento natalizio, il pranzo di Pasqua del San Carlo si svolgerà in collaborazione con la Caritas, e a prepararlo sarà ancora una volta lo chef Pietro Parisi, quello che aveva ideato il menu per la cena di gala del 13 dicembre, seguita allo spettacolo di inaugurazione della nuova stagione teatrale. Dopo la “Carmen” diretta da Zubin Mehta, a tavola si era accomodato anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e da allora il cuoco stellato Pietro Parisi a Napoli è considerato un po’ lo chef del presidente.

mattarella-1

Lui però, da sempre molto attivo in iniziative solidali, chiarisce che “quando si cucina per qualcuno non si distingue che sia primo o ultimo, in alto o in basso alla scala sociale, perché il cibo è popolare, è umile e nobile insieme. Il cibo ha un’unica origine, la terra, su cui tutti camminiamo e viviamo”. E dichiara di essere emozionato all’idea del pranzo di giovedì come lo era in occasione della preparazione della cena di gala.

Pietro-Parisi

Il menu pensato da Parisi prevede: sformato di minestra maritata fritta; pastiera di pasta cacio e pepe; “marenna” con ricotta salata e salame; uova, colomba e pastiera. Gli ingredienti saranno tutti prodotti a km 0, del territorio campano, espressioni delle tradizioni alimentari regionali. A servire al buffet saranno, tutti rigorosamente da volontari, i dipendenti della Fondazione Teatro di San Carlo, mentre gli artisti del teatro, anche loro per l’occasione volontari, allieteranno il momento conviviale con la loro musica.

pastiera-di-grano-napoletana

“Questa iniziativa” – così Rosanna Purchia – “testimonia l’impegno per il sociale che il Teatro riversa quotidianamente, con progetti studiati ad hoc per il territorio e per le varie realtà di Napoli. Siamo felici di riaprire nuovamente il Teatro, dopo l’esperienza positiva dello scorso dicembre, questa volta in occasione del pranzo pasquale, e ripetere un’occasione di festa per i più bisognosi, in un contesto di arte e di musica: anche questo è sensibilizzare e regalare un’emozione in uno dei luoghi più belli di Napoli e d’Europa: è unire etica ed estetica e creare un’occasione di festa per tutti”.

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE