Raccontare i movimenti della fotografia in città tramite la rassegna fotografica “Animus Neapolis”

Processed with VSCOcam with hb2 preset

Napoli è sempre stata grande fonte d’ispirazione per tutte le forme d’arte e, a tal proposito, è nata anche “Animus Neapolis”, la nuova rassegna fotografica di giovani autori e fotoamatori emergenti alle prese con “i movimenti della fotografia in città”. Raccontare parte della storia partenopea: questo è lo scopo della mostra che durerà fino al 22 novembre. L’inaugurazione è avvenuta ieri allo Slash music bar di Via Vincenzo Bellini tramite un incontro con l’autore Daniele Lepore che ha presentato il suo lavoro fotografico “Frammenti – luci ed ombre dall’ex carcere minorile Filangieri di Napoli”.

L’opera ci fa scoprire questo luogo noto a pochi, ora sede di attività ricreative per i bambini coordinate dai giovani volontari dell’associazione “Scugnizzo Liberato” nella parte ristrutturata dell’edificio. Le fotografie, caratterizzate da un bianco e nero dai forti contrasti, mostrano contemporaneamente il degrado dell’edificio e la voglia delle nuove generazioni di futuro e di riscatto.

L’idea di queste piccole mostre di nuovi fotografi è opera di Luca Sorbo, docente di Storia e Tecnica della Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, che ha concesso un ideale patrocinio alla prima esposizione fotografica di questa serie. Di tempo ne è trascorso dagli inizi del XIX secolo, quando il francese Joseph Nicéphore Niépce fu il primo ad applicare, in ambito fotografico, i processi chimici utilizzati per fissare l’immagine ottica tramite la camera oscura, dando così vita all’invenzione della fotografia.

Nonostante i duecento anni che sono trascorsi da quel momento, passando per fasi importantissime che hanno creato movimenti di pensiero e forme d’arte come il cinema, ancora oggi essa rappresenta motivo di grande studio e interesse in tutto il mondo. La sua creazione è stata frutto dell’incessante voglia dell’uomo di cercare di immortalare il più fedelmente possibile la realtà: già la pittura riuscì in parte in questa impresa, ma è con le rappresentazioni fotografiche, provenienti dall’Ottocento in poi, che questa impresa sembra sempre più essersi consolidata, arrivando fino ai giorni nostri in cui la fotografia è divenuta ormai uno strumento di dominio pubblico.

Il progresso tecnologico, però, non deve farci dimenticare che il fotografare, inteso come forma d’arte, è ben altro che i superflui selfie che invadono i nostri cellulari e, quindi, le nostre vite. Come ci ricorda infatti l’attore, regista, sceneggiatore, scrittore, drammaturgo e produttore cinematografico statunitense George Orson Welles “la fotocamera è molto più di un apparecchio di registrazione, è un mezzo attraverso il quale i messaggi ci raggiungono da un altro mondo”. A tal proposito iniziative quali “Animus Neapolis”, come molte altre, contribuiscono a farci raggiungere quell’altro “mondo”, senza dimenticare l’essenza reale che si cela dietro una delle forme d’arte più pure e longeve di sempre, ovvero la fotografia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE