Scampia chiama, la BCC Napoli risponde

La BCC Napoli invia 100 pacchi di viveri e beni di prima necessità a Scampia, alla palestra del maestro Maddaloni, vero e proprio centro di distribuzione di aiuti a centinaia di famiglie in difficoltà da sempre, un quartiere disagiato della città di Napoli, oggi particolarmente colpito dalla crisi per il Coronavirus.

“Un ringraziamento alla BCC di Napoli, ed in particolare al Presidente Amedeo Manzo, al Consiglio di Amministrazione, al Direttore ed a tutto il personale per aver risposto ancora una volta al mio appello disperato – ha dichiarato Gianni Maddaloni, maestro di judo, padre del campione olimpico Pino Maddaloni e di tutti gli altri campioni di Scampia -. La richiesta d’aiuto è stata accolta, come sempre, da questa banca, che guarda gli interessi di tutti i Napoletani, che sviluppa attività a favore del territorio ed è sensibile al richiamo della gente. Scampia chiama e BCC Napoli risponde: aiutando la mia gente, aiutando il territorio con i fatti e non con le chiacchiere. Questi sì che sono fatti concreti. Noi Napoletani abbiamo un proverbio molto antico: le amicizie si vedono nel momento della difficoltà e della malattia. Questo per noi è un momento terribile e Scampia, che non dimentica, ringrazia tutti i soci e tutti i lavoratori della Bcc Napoli per il grande aiuto ricevuto”.

La BCC Napoli in questi mesi si è particolarmente distinta per una serie numerosa di iniziative sociali a favore del territorio, sostenendo raccolta fondi a favore degli ospedali napoletani Cotugno, Loreto Mare e Pascale, nonché con la distribuzione di tantissimi pacchi contenenti beni di prima necessità a numerose parrocchie, a persone bisognose, ad associazioni di beneficenza.

“Il ruolo di una banca di territorio si differenzia moltissimo da altre esperienze creditizie – ha dichiarato il Presidente della BCC Napoli Amedeo Manzo -. Ci segnaliamo, oltre che per la vocazione a sostenere l’economia produttiva, con coraggio e spesso in chiave anticiclica da tanti anni, anche perché pensiamo che la nostra attività vada indirizzata verso il “bene comune”, con un occhio attento ai più bisognosi, ai bambini, agli anziani, agli ultimi. Pur tendendo verso l’efficienza e la modernizzazione, con risultati eccellenti, non siamo attratti da modelli imprenditoriali che valorizzano soltanto la “massimizzazione del profitto”. Non si vince da soli, questa è la nostra filosofia. La strada verso la “democrazia di opportunità”, unico percorso che ci può condurre verso la vera ripresa economica, e “l’inclusione sociale” passa attraverso atti di solidarietà come questo di oggi nei confronti della palestra Maddaloni, vera e propria fabbrica di “fiducia e speranza” in un quartiere che, è vero, ha difficoltà ma che sviluppa tantissime potenzialità umane e intellettuali. Sviluppo e legalità possono andare d’accordo con efficienza ed umanità”.

[adrotate group=”6″]

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE