martedì, 24 Nov, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Storia, curiosità e interpreti della canzone classica napoletana – ‘Lacreme Napulitane’

0

Diverse sono le canzoni napoletane che hanno trattato il tema dell’emigrazione, basti citare le più note: Emigrante (Viviani, 1918), Santa Lucia luntana (E. A. Mario, 1919), ‘A cartulina ‘e Napule (P. Buongiovanni – De Luca, 1927) e, soprattutto, Lacreme napulitane (Bovio – F. Buongiovanni, 1925).

La grande ondata migratoria che, a partire dalla seconda metà dell’ottocento, spinse milioni di Italiani a salpare per le Americhe era quasi al termine: a partire dal 1931 gli Stati Uniti d’America limitarono considerevolmente il flusso di entrate e lo stesso governo italiano rese le partenze più difficili.

Com’è noto, ancora oggi ci sono moltissimi cognomi italiani negli USA, in Brasile, in Argentina, quello che non è dato sapere è dove si trovasse il protagonista di Lacreme napulitane ma poco conta.

I versi di Bovio sono patetici, senza che questo aggettivo abbia accezioni negative ma nel suo significato più autentico: commovente, toccante. Composta sotto forma epistolare (una lettera alla madre), narra di un napoletano che da tempo si trova all’estero da solo (ma non erano rari i casi che si partisse con tutta la famiglia o la si richiamasse in un secondo momento) ed esprime tutta la sua amarezza per il suo stato e tutta la struggente nostalgia per la sua lontananza da casa e dalla famiglia, soprattutto per l’approssimarsi del Natale.

Qualcuno ha trovato che i toni di questa canzone fossero un po’ ‘strappalacrime’, noi ci permettiamo di dissentire… Ci pare, anzi, che Libero Bovio abbia saputo esternare con precisione, e insieme con delicatezza, i sentimenti di un emigrante, pur non avendo fatto quest’esperienza e, a quasi un secolo di distanza; il brano, magistralmente musicato da Francesco Buongiovanni, appare attualissimo.

Sembra inutile aggiungere che la canzone è stata eseguita, dopo la prima versione di Gennaro Pasquariello, da praticamente tutti i migliori interpreti della canzone napoletana e da diversi ‘non napoletani’, fra i quali ci piace ricordare Mina, Milva e Gabriella Ferri.

LACREME NAPULITANE

Mia cara madre,
sta pe’ trasí Natale,
e a stá luntano cchiù mme sape amaro.
Comme vurría allummá duje o tre biangale,
comme vurría sentí nu zampugnaro.

A ‘e ninne mieje facitele ‘o presebbio
e a tavula mettite ‘o piatto mio.
Facite, quann’è ‘a sera d’ ‘a Vigilia,
comme si ‘mmiez’a vuje stesse pur’io.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Mia cara madre,
che só, che só ‘e denare?
Pe’ chi se chiagne ‘a Patria, nun só niente.
Mo tengo quacche dollaro, e mme pare
ca nun só stato maje tanto pezzente.

Mme sonno tutt’ ‘e nnotte ‘a casa mia
e d’ ‘e ccriature meje ne sento ‘a voce,
ma a vuje ve sonno comm’a na “Maria”
cu ‘e spade ‘mpietto, ‘nnanz’o figlio ‘ncroce.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Mm’avite scritto
ch’Assuntulella chiamma
chi ll’ha lassata e sta luntana ancora.
Che v’aggi’ ‘a dí? Si ‘e figlie vònno ‘a mamma,
facítela turná chella “signora”.

Io no, nun torno, mme ne resto fore
e resto a faticá pe’ tuttuquante.
I’, ch’aggio perzo patria, casa e onore,
i’ só carne ‘e maciello, só emigrante.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.