mercoledì, 21 Ott, 2020 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

THE SPARK CREATIVE HUB. Tre piani dedicati a musica, libri e cultura nel centro di Napoli

0

Più di 500Mq di cose da fare, di “cazzeggio”, termine suggerito dallo scrittore Maurizio de Giovanni, proficuo e generativo tra ventimila volumi e un laboratorio di fabbricazione digitale dove dare forma e sostanza alle proprie idee. Non mancano gli spazi per lavorare e soprattutto per pensare, per trovare un luogo di decompressione generativa nel centro convulso di Napoli, tra l’Università e il centro storico, tra la ferrovia e il porto.

“Dare vita a una libreria indipendente di ampia metratura, che non vuole vivere di sole novità ma che offre una profondità di catalogo da ambire ad essere punto di riferimento per curiosi di ogni specie richiede un lavoro di preparazione notevole. Tocca instaurare sinergie di intenti con le case editrici che apprezziamo, presentarsi, proporre condizioni che facciano conciliare respiro economico e diversificazione di offerta rispetto l’asfissiante omologazione dettata dai monopoli della distribuzione e franchising”, spiega Francesco Wurzburgher che coordinerà la squadra di librai. “Ci sono librerie che aprono in Italia e qui al sud, è un mercato in perpetua trasformazione dove il libro deve essere accompagnato da approfondimenti di qualità e dalla costruzione di legami. Qui il libro sosterrà e sarà sostenuto dalla fabbricazione digitale, dalla formazione e dalla possibilità di dare un luogo dove dare respiro a progetti e pensieri”.

A The Spark Creative Hub i libri conducono in aree di sperimentazione e produzione. Su dei basoli vesuviani, quasi a rivendicare la vulcanicità necessaria all’ingegno, lavorano stampanti 3d, macchine a taglio laser, plotter e migliaia di piccoli ingegnosi circuiti prendono vita. “Uno spazio accessibile per dare concretezze alle idee, un FabLab, un luogo di formazione e creazione che vive di contaminazioni e sinergie con individui, imprese, start up ed enti come le università, le fondazioni, gli studi. Un luogo dove la creatività si presta alla sperimentazione per un’espressione totale e incondizionata delle proprie capacità ideative e progettuali.”, spiega Michela Musto ideatrice del progetto. “Le macchine sono in produzione e gli arredi sono stati in gran parte autoprodotti. L’intero spazio è l’espressione di una fusione tra l’artigianato tradizionale e nuove tecnologie di prototipazione digitali in grado di offrire un contributo a un nuovo paradigma di produzione nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità”.

The Spark Creative Hub

È un progetto della giovane Designer e Architetto Michela Musto, un centro polifunzionale di nuova concezione nel cuore di Napoli dedicato al mondo del libro e della manifattura avanzata che dopo una lunga attesa, giovedì 27 febbraio, alle 19, finalmente apre le sue porte al grande pubblico.
The Spark Creative Hub contribuisce a una riscrittura del linguaggio imprenditoriale nella magnifica struttura di oltre 500mq in Piazza Bovio, dove convivono al suo interno una libreria indipendente, un laboratorio di fabbricazione digitale, un coworking ed un Coffee Break. Si può curiosare tra i circa 20.000 titoli del bookstore, partecipare ad un evento o seguire le proposte dell’offerta formativa, ricca di corsi adatti ai più piccoli così come ai più esperti. Il concept store si arricchisce, inoltre, di una sigla editoriale, The Spark Press, con distribuzione nazionale e con una pubblicazione già all’attivo.

Il Bookstore offre un catalogo con proposte editoriali sempre nuove. Una libreria indipendente con un’ampia e accurata selezione di narrativa, saggistica, volumi di arte, design, architettura, nuove tecnologie ed un corner dedicato alla musica con un’attenta selezione di vinili.
Il Makers Lab, il cuore tecnologico, è un’officina di stampanti 3D e di tutto ciò di cui hai bisogno per i tuoi manufatti ad alto contenuto tecnologico. Il laboratorio è un freedom space dove si possono imparare e sperimentare le nuove tecniche di artigianato e combinare lavorazioni più tradizionali con quelle specifiche della manifattura avanzata. Una grande opportunità per creativi e sperimentatori seriali per dar vita alle idee più innovative grazie a tecnologie all’avanguardia e il supporto di tutor esperti.

Il Coworking nasce dall’esigenza di intercettare i cambiamenti del mondo del lavoro e dove far confluire le diverse anime del design e dell’innovazione. E’ il luogo ideale per tutti coloro che sono in cerca di soluzioni flessibili dove poter lavorare in una posizione che risulta fortemente strategica.

L’obiettivo di The Spark Creative Hub è creare un loop imprenditoriale-creativo che dalla progettazione negli spazi del coworking, alla prototipazione nel Makers Lab, porti alla commercializzazione del prodotto finito, generando un circuito efficiente e immediato per passare senza intermediari dall’idea al prodotto in mercato.

OPEN DAY

Venerdì 28 febbraio, The Spark Creative Hub dedica un’intera giornata per far conoscere, attraverso un ricco programma di attività gratuite, tutte le proposte ed i servizi dello store di Piazza Bovio. In ogni sala un evento di formazione, ascolto, lettura.

 

Giornalista, press agent, media pr e, per una volta, scrittrice. Autrice di Gloss (Rogiosi Editore), giallo glam diventato poi una graphic novel disegnata da Rosa e Carlotta Crepax. Ama il profumo dei libri, la musica, l'arte, la scoperta e la conoscenza, che considera sensuale e affascinante.