giovedì, 09 Dic, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Torna l’Ischia Film Festival, dedicato alle location cinematografiche

0

Dal 25 giugno al 2 luglio torna l’Ischia Film Festival, la kermesse cinematografica sulle location che giunge quest’anno alla quattordicesima edizione. Il Castello Aragonese che domina l’isola è il luogo deputato ad accogliere star internazionali, giornalisti e addetti ai lavori, ma anche appassionati e turisti, per un appuntamento che realizza in pieno il binomio oggi vincente tra Cinema e Turismo.

Castello_Aragonese-particolare

Su un totale di 101 opere selezionate, 39 saranno le anteprime italiane, 1 l’anteprima europea e ben 5 quelle mondiali. I film arrivano da 33 paesi, e quelli italiani sono 43. In concorso 41 opere tra Lungometraggi, Documentari, Cortometraggi, e quelle comprese nella sezione speciale “Location Negata”.

Ischia 1

Molti anche i film che verranno proiettati fuori concorso, che non saranno in gara ma arricchiranno il programma della manifestazione, nel corso della quale, attraverso le creazioni presentate, saranno trattati temi di attualità ma anche temi iconografici classici, tipici della migliore cinematografia italiana e straniera.

Ischia 2

“Sono molto soddisfatto dell’alta qualità dei film che saranno proiettati durante la XIV edizione dell’Ischia Film Festival” spiega il direttore artistico Michelangelo Messina, che poi aggiunge: “Per noi è importantissimo offrire, sia in concorso che fuori concorso, delle opere in cui crediamo e che sicuramente sono il valore aggiunto del nostro Festival delle location. Inoltre, quest’anno, da non perdere sono le anteprime, di grande rilevanza internazionale”.

Ischia 3

Interessanti anche gli eventi speciali previsti all’interno del Festival, come il focus sul Nord Europa, quello sull’Ucraina e quello sulla Basilicata, con la proiezione di film realizzati in queste zone. A Margarethe Von Trotta verrà assegnato il Premio alla carriera, e in suo onore domenica 26 giugno, alle 21,45, nella Cattedrale barocca dell’Assunta, verrà proiettato il suo capolavoro “Hannah Arendt”, del 2012.

trotta

Dedicata alla memoria del grande regista Luchino Visconti, le cui ceneri si trovano a Forio d’Ischia, nella sua villa “La Colombaia”, e di cui quest’anno ricorre il quarantesimo anniversario della scomparsa, la proiezione che aprirà il Festival il 25 giugno, “La Terra trema”,  del 1948;  a completare l’omaggio la mostra fotografica “Il primo Visconti: Ossessione e La Terra trema, i set cinematografici”, a cura di Antonio Maraldi e del Centro Cinema Città di Cesena.

Luchino-Visconti_672-458_resize

Le serate del Festival saranno caratterizzate anche dagli incontri del ciclo “Parliamo di Cinema”, che si svolgeranno alle 21,30 presso la Cattedrale dell’Assunta, e metteranno a confronto il pubblico con gli autori delle opere presentate. Momento di riflessioni per gli addetti ai lavori e non solo sarà poi il Convegno internazionale sul Cineturismo in programma il 28 giugno, sul tema “Lo sviluppo del Cineturismo in Europa a 14 anni dalla sua nascita: analisi e prospettive”. Verranno ripercorse le tappe di questo turismo particolare fin dalla sua nascita, proprio a Ischia in occasione del primo Festival, quando fu il direttore Michelangelo Messina a ideare questo neologismo,  parola oggi decisamente di moda.

12_annunciate_le_opere_in_selezione_all_iff_2016