‘Napoli Città Libro’ torna dal 14 al 16 giugno, alla Stazione Marittima di Napoli

Napoli Città Libro
Napoli Città Libro

Dal 14 al 16 giugno, alla Stazione Marittima di Napoli, torna ‘Napoli Città Libro’ – Salone del Libro e dell’Editoria, giunto quest’anno alla sua V edizione.

Napoli Città LibroAnche quest’anno torna l’appuntamento con ‘Napoli Città Libro’ – Salone del Libro e dell’Editoria‘, promosso da Polidoro Editore, Associazione Liber@Arte e Rogiosi Editore, e giunto alla sua quinta edizione.

Tantissimi gli appuntamenti in programma nel corso dei tre giorni dell’evento, che si terrà dal 14 al 16 giugno presso la Stazione Marittima di Napoli, con apertura ai partecipanti prevista dalle 10.00 alle 20.00.

– E’ possibile scaricare qui il programma completo e visitare la pagina ufficiale per trovare tutte le altre informazioni utili sull’evento –.

Il tema del 2024, Ri-Generazioni

Ri-Generazioni è il tema scelto da Vincenza Alfano, Ileana Bonadies, Beatrice Gigli e Paolo Miggiano, componenti del comitato editoriale di questa quinta edizione.

L’obiettivo è avviare un’esplorazione inedita, un diverso punto di vista sul processo di crescita e rinnovamento culturale – rigenerazione appunto – del Mezzogiorno in particolare, e di tutto il Paese.

È uno slancio verso l’esigenza di valorizzare la nostra identità e il nostro patrimonio per una più efficace ripartenza.

Ma Ri-Generazioni punta anche all’incontro, necessario, tra generazioni diverse che pensano, apprendono e inventano attraverso nuovi strumenti e nuovi linguaggi.

Le cinque ‘isole tematiche’

Napoli Città LibroDal concetto di Ri-Generazioni nascono cinque isole tematiche.

Generi: un contenitore di esplorazione delle individualità e del legame tra identità e linguaggio. Allo stesso tempo, uno spazio di riflessione sulla questione femminile e femminista, insieme alle scrittrici di ieri e di oggi.

Visioni: uno spazio dedicato alle connessioni tra la pagina scritta e le sue trasposizioni cinematografiche e teatrali, con particolare attenzione alle proposte del nostro Mezzogiorno, anche in considerazione della loro ricchezza e varietà degli ultimi anni.

Generazioni: Le generazioni, oggi più che mai, sembrano prive di un vocabolario comune: in questo spazio si esplora la possibilità di costruire un lessico emotivo e cognitivo condiviso, reciprocamente arricchito, trasformando il dialogo in un ponte: cosa abbiamo da dare e cosa possiamo apprendere per incontrarci a metà strada?

Cognizioni: un luogo in cui ospitare discussioni sull’attualità, una tavola rotonda di pensieri critici in formazione, in movimento. Con le nuove mappe cognitive, con l’uso del digitale e dell’intelligenza artificiale, fino a che punto siamo pronti a cavalcare l’onda di una rivoluzione che è insieme tecnologica e culturale? Fino a che punto siamo ancora in grado di dominare i processi creativi?

Nuove Memorie: Come si mette in moto la memoria collettiva in una dialettica tra passato e presente, evitando il passatismo o la sterile nostalgia ma facendone un trampolino di lancio verso il futuro? Tutto ciò che possiamo imparare e tutto ciò che possiamo cambiare parte dalle radici: non c’è, infatti, innovazione che non tenga conto della tradizione. Dal recupero della millenaria tradizione culturale e artistica del Mezzogiorno possono nascere nuove idee e nuove visioni.

[adrotate group=”6″]

La nostra rivista
La nostra
rivista
L’Espresso Napoletano diffonde quella Napoli ricca di storia, cultura, misteri, gioia e tradizione che rendono la città speciale e unico al mondo!

SCELTI PER TE