martedì, 26 Gen, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Un museo a cielo aperto, con i murales dedicati a Pino Daniele

0

Sorgerà in via Santa Maria La Nova un murale in ricordo di Pino Daniele, di cui il 4 gennaio è ricorso il sesto anniversario della scomparsa. L’iniziativa è partita dall’ottico Nando Sparnelli ed è sostenuta dal Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli.

Il ricordo nel gesto

In quella strada il cantante suonava insieme agli amici, proprio di fronte all’ottica in cui Sparnelli lavora. Il murale trova quindi la sua collocazione in un luogo caro e frequentato dal noto cantautore. A ricordarlo è proprio Spanelli, rammentando come da giovane Pino usava i gradini della chiesa di Santa Maria La Nova come seduta. Il murale raffigurerà la copertina dell’album Terra Mia, il disco d’esordio dell’artista uscito nel 1977, che mescola la cultura napoletana e il genere blues e da cui sono stati estratti i singoli “Ca calore/Fortunato e Napule è/Na tazzulella ‘e cafè.

Un sentiero dedicato

Il gesto ha avuto anche il sostegno degli altri commercianti della zona, che hanno deciso di ricordare l’artista con altri murales da realizzare successivamente. Le opere, tutte autorizzate, partiranno da largo Ecce Homo e arriveranno fino a via Monteoliveto. Per il Consigliere Regionale Borrelli, Pino è stato un grande fautore della popolarità della canzone napoletana in Italia e nel mondo, e questa serie di murales servirà alla creazione di una sorta di museo a cielo aperto a lui dedicato. Per l’occasione, Borrelli vorrebbe proporre l’istallazione di una statua del cantante, magari nella sua interezza e con le sue esatte fattezze, in modo da ricordare per sempre il volto di un uomo che alla sua città ha dato tanto, e dei cui versi gli echi continuano a riecheggiare nei vicoli e nelle case.