giovedì, 16 Set, 2021 Espresso napoletano

Storie e bellezze di Napoli on line

Un musical e un disco per Carosone, “l’americano di Napoli”

0

“Carosone è stato un pioniere, un rinnovatore, un contaminatore di culture e di suoni armato di riso (amaro)”, dice Federico Vacalebre, giornalista, critico e biografo del grande musicista e compositore napoletano per il quale firma un musical con la regia di Nello Mascia e la voce di Andrea Sannino. Il musical biografico è stato racchiuso in un cd presentato in anteprima, in attesa della messa in scena dello spettacolo sull’ “americano di Napoli”. La produzione è a cura del Trianon Viviani, il teatro della Canzone napoletana diretto da Marisa Laurito, in collaborazione col teatro Augusteo, grazie a un progetto inserito nella programmazione strategica della Regione Campania e finanziato con il Programma operativo complementare della Regione Campania. Il cd, in vendita nei maggiori canali di distribuzione da venerdì 30 aprile, è un canzoniere di successi, con l’inedito ‘A signora!’. Quattordici i brani in programma: accanto agli immancabili successi di Tu vuo’ fa’ l’americano, Torero, Maruzzella, Caravan petrol, Pigliate na pastiglia e ‘O sarracino, è inserito anche un inedito carosoniano, ‘A signora!’. «Renato la scrisse nel 1993, un anno dopo dell’uscita al cinema di Basic instinct – spiega Vacalebre – è la storia di una signora “di rimpetto”, un poco esibizionista, che in bell’esposizione alla finestra, si veste e si sveste e, soprattutto accavalla e scavalla, accavalla e scavalla le sue magnifiche gambe: una Sharon Stone verace rimasta negli archivi sino all’anno scorso». Gli arrangiamenti sono curati da Lorenzo Hengeller. I remix da Gransta MSV.

In scena, assieme ad Andrea Sannino, il cantautore che, con il suo brano “Abbracciame”, cantato dai balconi durante il lockdown, ha incarnato la speranza collettiva di uscita dalla pandemia, una band, dj e un corpo di ballo electroswing. Il tutto tra filmati di ieri e di oggi, scenografie digitali, suoni vintage e remix: ricanta Napoli. Con Andrea Sannino, lo stesso Hengeller al pianoforte, Giovanni Imparato (percussioni), Pietro Botte (chitarra e voce), Forlenzo Massarone (voce), Rocco Di Maiolo (sax e clarinetto), Gaetano Diodato (contrabbasso) e Annibale Guarino (sax).

Lo spettacolo “Carosone, l’americano di Napoli” da cui è tratto il disco era stato programmato originariamente l’anno scorso dal teatro Augusteo nel cartellone curato da Giuseppe Caccavale, e dallo stesso teatro della Canzone napoletana di Forcella, in occasione del centenario della nascita del maestro di Pianofortissimo. Compatibilmente con il superamento dell’emergenza sanitaria, il musical dovrebbe andare in scena nei due teatri quest’anno, anche nel ricordo del ventennale della scomparsa del musicista. Ascolteremo il disco, in attesa di gustarlo a teatro.

Francesca Saturnino è nata a Napoli nel 1987. Critica teatrale, insegnante e giornalista. Collabora con riviste e giornali nazionali e locali. La sua passione, tra le altre, è scovare storie, mestieri e personaggi di una Napoli antica e desueta e raccontarli per mantenerne viva la memoria.